Sei in Provincia

APPUNTAMENTI

Mostre in città, gelati e altre golosità in provincia: l'agenda del sabato

17 gennaio 2020, 10:41

Mostre in città, gelati e altre golosità in provincia: l'agenda del sabato

   BASSA    

COLORNO
Ballo liscio al Cral Farnese

Si danzerà il liscio con l’orchestra Roberta Signifredi, sabato dalle 21,30 al Cral Farnese. 
Per info 0521 815468.

POLESINE ZIBELLO
Open day alla «Carlo Paredi»

Sabato alla scuola dell’infanzia «Carlo Paredi» di Zibello, open day dalle 9.30 alle 11.30.
  

RAGAZZOLA
Il vero «Giardino dei ciliegi» è nella periferia di Bologna

«Il giardino dei ciliegi. Trent’anni di felicità in comodato d’uso», lo spettacolo rivelazione della compagnia bolognese Kepler-452, sarà in scena sabato alle 21,15 al Teatro di Ragazzola. 
Periferia di bologna
Il capolavoro di Čechov viene presentato in un inedito legame tra i personaggi nati dalla fantasia dello scrittore russo e due persone reali sfrattate da una casa colonica alla periferia di Bologna, Giuliano e Annalisa Bianchi, presenti nello spettacolo con gli attori della compagnia. La riuscita operazione teatrale curata dal regista Nicola Borghesi mette in corto circuito il tempo presente e il tempo teatrale coinvolgendo testimoni che vivono sulla propria pelle quel che l’opera teatrale racconta. 
Lodo guenzi
Con questo spettacolo, interpretato da Tamara Balducci e Nicola Borghesi con la straordinaria partecipazione di Lodo Guenzi, frontman della band Lo Stato Sociale, la compagnia Kepler-452 ha vinto il premio Rete Critica ottenendo forti consensi dalla stampa e dal pubblico. Nell'opera di Čechov il centro del dramma è la scomparsa di un luogo magico, profondamente impregnato delle vite di chi lo abita. I componenti di Kepler-452, Nicola Borghesi, Paola Aiello ed Enrico Baraldi, hanno cominciato, come sono soliti fare, a scavare nelle pieghe della loro città, Bologna, alla ricerca del loro Giardino dei ciliegi. 
Incontro
«Tra i moltissimi incontri nel corso della nostra indagine ce n’è stato uno che ha cambiato definitivamente il corso delle prove e, inaspettatamente, delle nostre vite: quello con Giuliano e Annalisa Bianchi, che per trent’anni hanno vissuto in una casa colonica concessa in comodato d’uso gratuito dal Comune nella periferia di Bologna. Giuliano e Annalisa Bianchi per trent’anni si sono occupati di due attività principali: il controllo della popolazione dei piccioni e l’accoglienza di animali esotici o pericolosi. Si attiva così un ménage strano, marginale, meraviglioso: convivono in casa Bianchi babbuini, carcerati ex 41-bis in borsa lavoro, una famiglia rom ospite, boa constrictor. Trent’anni, come ci dicono Giuliano e Annalisa, di pura felicità».  Finché nel 2015 si avvicina il momento dell’apertura, proprio di fronte al loro giardino dei ciliegi, di un grande parco a tema agroalimentare. In coincidenza con l’avvicinarsi dell’apertura del parco i Bianchi ricevono un avviso di sfratto. La magia di questo contemporaneo Giardino dei ciliegi - gli animali, le relazioni, gli affetti - cessa improvvisamente di esistere in una mattina di settembre. «Una storia – continuano gli autori - così lontana nel tempo e nello spazio da quella di Gaev e Ljuba eppure così simile nella sua essenza». Nicola, Paola ed Enrico hanno trascorso molto tempo con i Bianchi, convincendoli ad andare in scena, a vestire i panni di Ljuba e Gaev e a raccontare la loro storia. Biglietti costo 18 euro, prenotabili al numero 339/5612798. Per altre info www.teatrodiragazzola.it 

SORBOLO
«Al gir ‘dla cova dal gozén» apre il 2020 della Bassa

La prima grande festa all’aperto del 2020 della Bassa sarà servita nel weekend con un omaggio al maiale, fondamentale per i prodotti tipici della Bassa, in occasione della 16ª edizione de «Al gir ‘dla cova dal gozén» in programma in piazza Libertà a Sorbolo sabato  e domenica.
Ospite d'eccezione
Ci sarà un ospite d’eccezione: il comico Cristiano Militello conduttore radiofonico di R101 e collaboratore di «Striscia la notizia», per la quale cura la celebre rubrica «Striscia lo striscione» assemblando e commentando le immagini più divertenti delle curve degli stadi italiani, il tutto intervallato da interviste ai tifosi prima e dopo le partite. Battute e sketch divertenti si abbineranno, dunque, alla valorizzazione dell’antica arte della lavorazione delle carni suine mostrata dagli esperti norcini del territorio in occasione di una festa che fa la staffetta, ogni anno, tra i due centri principali del comune: Sorbolo quest’anno e Mezzano Inferiore, lo scorso anno ed il prossimo. 
Manifestazione podistica
La festa inizierà sabato alle 14 con la manifestazione podistica non competitiva con partenza da via fratelli Bandiera a cura del gruppo podistico di Sorbolo e alle 20 con la cena nel PalaGosino, il tendone allestito in piazza (prenotazioni ai numeri 0521 694661-698785-660133 e 338 7074037). A seguire, musica dagli anni ‘80 ai 2000 con Gdj e Mood. 
Una mostra con le opere realizzate da Gianantonio Cristalli sarà inaugurata nella sala Adorni del centro civico di via Gruppini 4 a Sorbolo alle 11. La mostra al centro civico sarà visitabile, sino al 25 di gennaio, tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19 e nel weekend dalle 9 alle 20. L’esposizione è promossa da Alternativa e Grow up together tomorrow.

TANETO
Festa anni '90 domani sera al Fuori Orario 

Sabato sera  a partire dalle 22.30, al circolo Arci Fuori Orario torna la «Festa Anni ‘90 di Reggio Emilia e Parma-Sei un mito»: dai Nirvana alle Spice Girl, passando attraverso i Lunapop e Gigi D’Agostino, si potrà intraprendere un viaggio musicale in un decennio irripetibile. Dj set e gadget rigorosamente anni ‘90. Tessera Arci obbligatoria. Servizio bus gratuito da Parma. 
Info: 0522/671970 oppure info@arcifuori.it

TORRICELLA DEL PIZZO
Torna la «Festa dal Pipén»

A Torricella del Pizzo, piccolo borgo rivierasco del Cremonese a due passi da Casalmaggiore, torna l’appuntamento con la «Festa dal Pipén», sagra gastronomica del piedino di maiale lessato organizzata dal Comitato Fiera, che taglia quest’anno il traguardo della 15esima edizione. 
Ospite d'onore
Quest’anno l’ospite d’onore sarà Gianfranco Vissani, che sarà presente già all’appuntamento inaugurale della festa, la cena Gran Galà di sabato alle 19,30 predisposta dalla Scuola di Cucina Einaudi di Cremona. Ospite della serata sarà anche Gianpaolo Cantoni, che si alternerà a Mauro Adorni nel raccontare barzellette che l’hanno reso molto noto sul web. Si consiglia la prenotazione alla cena telefonando ai numeri 3356934822 e 3913001600. 

   PARMA    

MUSEI CIVICI
Alla scoperta del patrimonio museale e storico della città

Fino a domenica  si potrà andare alla scoperta del patrimonio dei musei e degli spazi espositivi civici che ospiteranno numerose visite guidate, mostre e attività gratuite per adulti e bambini, realizzati da personale specializzato dei musei e promossi dall’assessorato alla Cultura del Comune.
Castello dei burattini
sabato   alle 11, visita guidata al Castello dei Burattini, senza l’obbligo di prenotazione, con un percorso dedicato ad una delle più grandi collezioni di burattini e marionette appartenuti alla «Compagnia dei Ferrari» e ad altre famiglie di burattinai. Alle 15.30, nella Pinacoteca Stuard ci sarà il laboratorio «Disegno dorato» per bambini dai 4 ai 10 anni. Prenotazione richiesta (0521/508184). Sempre sabato , alle 16.30, visita guidata, senza l’obbligo di prenotazione, alla collezione di Giuseppe Stuard e della Congregazione di San Filippo Neri unite ad opere del patrimonio comunale.
Palazzo Pigorini
Sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19, a Palazzo Pigorini (in via Repubblica 29/a) si potrà visitare, con ingresso gratuito, la mostra «Parma è la Gazzetta-Cronaca, cultura, spettacoli, sport: 285 anni di storia» che rientra nel programma degli eventi previsti nel calendario di Parma 2020. L’esposizione, curata dal direttore della «Gazzetta di Parma» Claudio Rinaldi e dallo storico Giancarlo Gonizzi, intende documentare la storia plurisecolare del più antico quotidiano italiano pubblicato con continuità a partire dal 1735, e la parallela storia della città di cui porta il nome. In quasi tre secoli di attività, la Gazzetta ha raccontato le vicende del territorio, ma non di rado la cronaca ha lasciato spazio alla storia, così che, nella mostra, una selezione di prime pagine affiancate a oggetti memorabili ed emblematici permette al visitatore di attraversare il tempo e rivivere gli avvenimenti più significativi. Per informazioni: http://mostra2020.gazzettadiparma.it oppure mostragazzetta@gazzettadiparma.it 
Palazzo del Governatore
A Palazzo del Governatore, invece,  dalle 10 alle 19, sarà aperta al pubblico la mostra «Time Machine. Vedere e sperimentare il tempo»: nata da un’idea dell’assessore alla Cultura Michele Guerra, l’esposizione è curata da Antonio Somaini, professore di teoria del cinema, dei media e della cultura visuale alla Sorbona, con le esperte di cinematografia Eline Grignard e Marie Rebecchi. «Time Machine» esamina il modo in cui il cinema e altri media fondati sulle immagini in movimento hanno trasformato nel corso degli ultimi 125 anni la nostra percezione del tempo, attraverso una serie di tecniche di manipolazione temporale. 
Galleria San Ludovico
Negli spazi della Galleria San Ludovico e sotto i Portici del Grano - dalle 10 alle 18 - si potrà ammirare, con ingresso gratuito, la mostra «Noi, il cibo e il nostro pianeta: alimentiamo un futuro sostenibile» promossa da Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition con la collaborazione ed il patrocinio dell’assessorato alla Cultura del Comune e sviluppata in collaborazione con National Geographic Italia. Ambiente, cibo e sostenibilità sono proiettati in un percorso espositivo pensato per coinvolgere e interagire con i visitatori, attraverso esperienze multimediali, aree didattiche e fotografie di grandi autori.

MUSEO D’ARTE CINESE ED ETNOGRAFICO
«Il canto delle origini» di Europa Teatri

Il museo d’arte Cinese ed etnografico, per una sera, assumerà le sembianze di un palcoscenico. Per l’occasione, la compagnia Europa Teatri, metterà in scena una pièce, ideata, scritta e creata appositamente per questa location speciale e ricca di suggestioni. Il titolo e i contenuti sono strettamente legati ai temi attorno ai quali opera il museo: sabato sera  alle 20.30, nella sede espositiva di viale San Martino 8, andrà in scena «Il canto delle origini». La regista dello spettacolo è Ilaria Gerbella che, insieme a Valentina Zambonini, è anche autrice dei testi. Tra vasi, dipinti, monili e, a stretto contatto con gli spettatori, reciteranno Elisa Bonani, Marco Musso, Silvana Pizzi, Mihail Putinev, Cosimo Urso e Valentina Zambonini.

IL CASTELLETTO
Ilenia Romano canta con l'orchestra Canali

Serata danzante sabato al circolo Il Castelletto di via Zarotto con la solista Ilenia Romano accompagnata dall’orchestra Luca Canali. 

SAN PANCRAZIO
Commedia dialettale al circolo Anspi

Sabato sera  alle 21, al circolo Anspi di San Pancrazio sarà protagonista la compagnia «I Guitti di Roberto Veneri» che proporrà la commedia in tre atti «Du j én méj che vón», con la regia di Roberto Tinelli.

TEATRO DUE
«Mandragola» di Niccolò Machiavelli 

Sabato alle 20.30, e domenica, alle 16, a Teatro Due verrà proposto - in prima nazionale - «Mandragola» di Niccolò Machiavelli con la regia di Giacomo Giuntini, una produzione Fondazione Teatro Due. Ad accompagnare la messa in scena dello spettacolo, stasera, alle 18, si terrà l’incontro «Machiavelli: La Commedia, La Politica» con Pasquale Stoppelli, filologo critico letterario e curatore dell’Edizione nazionale delle opere di Niccolò Machiavelli. 
Info: 0521.230242

HOTEL SAN MARCO

Il raduno (tutto da giocare) degli autori di giochi da tavolo

Si rinnova per il terzo anno consecutivo il sodalizio tra Parma e il ​game design ​ , grazie alla sedicesima edizione di IDEAG, l’incontro nazionale degli autori di giochi da tavolo che nel fine settimana del 18-19 gennaio arriveranno all’Hotel San Marco di Ponte Taro da ogni parte d’Italia (ma anche dall’estero). Una gioiosa - e giocosa - invasione di 200 autori, 20 case editrici e oltre 300 giochi tutti da provare. Un appuntamento nato nel 2005 come un piccolo ritrovo di persone che condividevano la stessa passione, e cresciuto nel tempo assieme all’amore del nostro paese per il gioco da tavolo, fino a raggiungere i numeri attuali. “​Lo spirito dell’evento è rimasto quello di un tempo: ​ ” - spiega Paolo Mori, responsabile italiano di SAZ, l’associazione di autori che organizza l’appuntamento - “​game designer professionisti e semplici dilettanti con il ‘gioco nel cassetto’ si ritrovano per due intensissimi giorni per provare vicendevolmente i loro giochi, per darsi consigli e suggerimenti su come migliorarli, e per trovare magari un editore interessato e a portarli sugli scaffali dei negozi nei prossimi anni. Negli ultimi anni ho avuto l’onore di organizzare questo grande appuntamento, credo il più grande in Europa di questo tipo, a Parma, anche perché credo che la cultura di cui la nostra città è capitale passi anche attraverso il gioco ​ ”.  
 Molti dei giochi passati per IDEAG negli anni passati sono stati pubblicati da case editrici italiane e straniere, e diversi partecipanti hanno coronato il loro sogno di trasformare la passione per il gioco da tavolo in un lavoro vero e proprio.  I posti disponibili per gli autori sono esauriti da tempo, ma l’evento è aperto (orari: sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 19) anche agli appassionati e ai semplici curiosi che desiderano capire come si presenta un gioco prima della sua pubblicazione. 
 Per maggiori informazioni: ​https://www.idea-g.it 

SAN TIBURZIO
Inaugura la mostra «Fantasmi»

Sabato sera, alle 19, nella chiesa di San Tiburzio, verrà inaugurata la mostra «Fantasmi» della pittrice modenese Federica Poletti. La mostra, a cura di Camilla Mineo, presenta un excursus degli ultimi intensi lavori dell’artista modenese, un percorso che l’ha portata alle figure velate della serie «Fantasmi». L’esposizione sarà visitabile fino al 9 febbraio il sabato e la domenica dalle 11 alle 13 e dalle 16 alle 20.

CENTRO GIOVANI ESPRIT
Conferenza-spettacolo «Attraversamenti»

Sabato alle 16.30, il Centro Giovani Esprit, di via Emilia Ovest 18/a, ospiterà la conferenza-spettacolo interattiva dell’artista di origini senegalesi Mohamed Ba dal titolo «Attraversamenti». L’evento è rivolto ai giovani, agli adulti e alle famiglie con la possibilità di lasciare i propri figli a giocare con gli educatori di Eidè per un’ora di gioco e merenda. Ingresso con offerta libera.

NUOVO TEATRO PEZZANI
In scena la commedia «Sposato senza figli»

Sabato alle 21, e domenica alle 16, sul palco del Nuovo Teatro Pezzani andrà in scena la commedia «Sposato senza figli»: protagonista sarà l’attore siciliano Eduardo Saitta che sarà affiancato da Massimo Procopio, Eleonora Musumeci, Loredana Scalia e Lucia Debora Chiaia. 
Info: 0521/200241

SOUND CAFÈ
erate a tutta musica

Sabato sera, dopo la cena, animazione con dj Elvis che proporrà le sonorità salsa, bachata e reggaeton.

VIGATTO
Musica e buona tavola 

Serate di musica e buona tavola al «Green-Glam restaurant» di strada Martinella 328 a Vigatto. Sabato sera sarà protagonista il poliedrico artista Manuel Comelli con il suo spumeggiante show. Domenica, alle 18, nuovo appuntamento con l’«Aperitivo lungo della domenica».

MUSEO LOMBARDI
La mostra «Parma città del profumo»

Due giornate di visite guidate, con ingresso gratuito, alla mostra «Parma la città del profumo» esposta al museo «Glauco Lombardi»: sabato  alle 10 e alle 11.30, e domenica, alle 10 e alle 11.30 e nel pomeriggio alle 15 e alle 16.30. Le visite guidate sono curate da Cna. 
Info: 0521/233727

   PEDEMONTANA    

FELEGARA
Mercati, feste, musica e sport per la sagra di Sant'Agnese

Parte alla grande la sagra di Sant’Agnese di Felegara. Mercati, feste, musica, eventi per tutte le generazioni intorno all’Oratorio, alla Chiesa, nelle strade, nei circoli e in teatro. La regia è affidata al Circolo Sant’Agnese in collaborazione con l’amministrazione comunale, la parrocchia e tutte le associazioni che hanno messo in campo il loro impegno e la loro fantasia. La grande boxe a Felegara sabato a partire dalle 19.30 nella palestra gestita dalla Polisportiva La Felce. L’evento con finalità benefiche, prevede 6 match tra dilettanti e si concluderà con 2 sfide tra atleti professionisti. Tra i big sul ring Leonardo Damian Bruzzese, ex campione italiano dei pesi cruiser e il peso medio George Painstil. Il ricavato dell’evento verrà devoluto per la realizzazione del nuovo centro oncologico dell’Ospedale di Parma. Ingresso a offerta; servizio bar con food a cura di ImpastoZero dalle 16 a mezzanotte. Musica con il Dj Set Lodeon.

MONTICELLI TERME
Balli latini  al Salotto del Lallo

Sabato sera alle 22, al «Salotto del Lallo», in via Marconi 1, torna la tradizionale serata latina: in consolle ci sarà Lucky dj che proporrà le sonorità salsa portorico, bachata, latin hustle, kizomba, balli di gruppo e cha cha; saranno presenti anche i ballerini della scuola «La Guaracha Dance company» e il Madness Staff. 

NOCETO
«Diamoci delle arie»: un musical tutto da gustare al Moruzzi

Brani celebri e arie d’opera: «Diamoci delle Arie» ovverossia come sopravvivere in un salotto musicale di fine ‘800 è il musical che andrà in scena sabato alle 21 al Teatro Moruzzi di Noceto. L’appuntamento dedicato a Isabella Paris vedrà in scena la compagnia «Il Sogno» e, per la prima volta, il soprano Maria Giovanna Pattera e il coro «Il Pellegrino» diretto dal maestro Giorgio Pedrini. 
Grandi musiche
Scritto e diretto da Gabriele Campanini, con arrangiamenti di Gianluca Campanini, lo spettacolo propone musiche di Verdi, Donizetti, Monti, De Curtis, Tosti, Mozart, Leoncavallo, Squire. Fra gli interpreti anche il tenore fidentino Pietro Brunetto, reduce dal successo per l’esordio nella Traviata al teatro Magnani di Fidenza nel ruolo di Alfredo, il direttore musicale Gianluca Campanini, il virtuoso violoncellista Antonio Amadei, il baritono Romano Franceschetto e l’autore dello spettacolo Gabriele Campanini al clarinetto. 
La storia
«Diamoci delle Arie» è la storia di sei musici, invitati ad esibirsi ad una festa sontuosa per ospiti di mezza Europa nel salotto di una contessa: qui gli artisti dovranno travestirsi per compiacere la corte, racconteranno fra una romanza e un’aria d’opera le loro pene, i sogni, i pettegolezzi e gli artifici per riuscire a sopravvivere «in un salotto di fine Ottocento». Le arie inserite nel programma sono particolarmente accattivanti e molto conosciute, da Notte e giorno a faticar, dal Don Giovanni di Mozart a Addio del passato, dalla Traviata di Verdi. 
Info e prenotazioni 3383787438. Ingresso Euro 15.

Chicco della Franca al circolo Avis
L’orchestra Chicco della Franca si esibirà sabato 18 gennaio al Circolo Avis di Noceto. Musica e ballo a partire dalle 21.

   FIDENZA E SALSO    

SALSOMAGGIORE
Mostra fotografica a Contignaco

Sabato e domenica - solo su appuntamento - nelle sale interne del castello di Contignaco, si potrà visitare la mostra fotografica «La bellezza delle piccole cose», realizzata da Cristiano Bonassera e Andrea Gatti. 
Per informazioni: 320.6066721 o 320.6126424

   MONTAGNA   

PASSO DEL CERRETO
Castagne protagoniste di «Dolce&Farina»

L'Appennino tosco-emiliano festeggia il suo «oro» con il contest «Dolce&Farina».  Sabato alle 17, al Passo del Cerreto, nel ristorante «Giannarelli» si svolgerà infatti un «Laboratorio gastronomico d’Appennino» di cui saranno protagonisti i produttori di castagne e i ristoratori del circuito a Km zero della Riserva di Biosfera Unesco dell’Appennino tosco-emiliano. 
Contest
Nell’occasione, si terrà la quarta edizione del contest tra i produttori di farina di castagne realizzata con metodo tradizionale sui crinali di Emilia e Toscana, monumento della tradizione che lega il territorio. 
Tre momenti
Saranno tre i momenti della competizione: l’analisi sensoriale del prodotto, a cura di una giuria di esperti; la degustazione delle farine concorrenti con piccoli assaggi prodotti dai 
«Dolce&Farina» è l’evento dedicato alla filiera della castagna: un percorso antico che da sempre lega le comunità d’Appennino alle loro montagne. 
Per molti piccoli borghi il recupero dell’albero del pane - come veniva tradizionalmente chiamato il castagno - e dei suoi frutti, così come la riaccensione degli essiccatoi e le fasi di produzione della preziosa farina, rappresentano un ritrovato senso di comunità: un lavoro per tutti i mesi autunnali, fino all’inverno, che riporta le persone a stare insieme per un bene che torna ad essere collettivo.

SANTA MARIA DEL TARO
Festa del gelato artigianale: una tradizione fuori stagione

Sabato sera  la Proloco di Santa Maria del Taro in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Tornolo e alcuni volontari ha organizzato l’ormai tradizionale «Festa del gelato artigianale».
Manifestazione singolare
Una manifestazione singolare e unica per la nostra montagna dove verrà cucinato e presentato il dolce freddo più amato da grandi e piccini e per una sera Santa Maria del Taro, l’ultimo lembo di terra parmense al confine dell’Emilia Romagna con la Liguria sarà grande festa. I residenti cercheranno di rappresentare e ricordare i suoi avi nel modo migliore: i tanti gelatai che hanno scritto una pagina della storia locale. Questi personaggi dell’ottocento e del primo novecento erano emigrati da questi monti in cerca di fortuna preparando e vendendo il dolce freddo da loro stessi «inventato». 
Sabato sera nel salone delle feste della proloco di Santa Maria e nella cucina estiva verrà ripetuto l’antico rito, i locali si trasformeranno in laboratori, dove alcuni dei «vecchi» maestri gelatai, prepareranno il saporito gelato con gli stessi strumenti e gli stessi ingredienti che usavano in passato: uova fresche, farina, latte, zucchero e tanto ghiaccio naturale. 
Strumenti centenari
Fin dal primo pomeriggio verranno rispolverati e lucidati gli strumenti che hanno ormai abbondantemente superato i cent’anni ma che sono gelosamente custoditi nelle cantine o nelle mansarde dai discendenti di questi famosi artigiani e commercianti. I gelatai dell’Alta Valtaro ed in particolare proprio quelli di Santa Maria hanno segnato la storia della nostra montagna, infatti, nel secolo scorso e anche nella seconda metà dell’ottocento sono stati in molti quelli che hanno lasciato i loro paesi e la loro famiglia ed in modo marcato Santa Maria del Taro, Strepeto, Setterone, Alpe e altri piccoli paesi per emigrare nel Nord Europa, in particolare nel Regno Unito e in Scozia. Gli abitanti di questa Alta Valle furono i primi a presentare il gelato artigianale nelle piazze di Londra, di Cardiff o di Manchester per poi avviare una vera e propria catena di distribuzione. 
I discendenti
I discendenti di questi illustri luminari attraverso questa manifestazione riporteranno alla luce il sapiente lavoro dei loro avi: si presenteranno con i loro attrezzi, le loro ricette e testimonieranno dal vivo con la loro presenza questo «dolce» mestiere che gli ha resi celebri. Dopo la laboriosa preparazione a metà serata il gelato verrà distribuito gratuitamente: per tutti i presenti una coppetta dell’autentico gelato artigianale di Santa Maria del Taro. La manifestazione sarà allietata dalla musica dall’orchestra spettacolo di Paolo Bertoli.