Sei in Provincia

montagna ovest

Arrriva lo sportello itinerante sul gioco d'azzardo: farà tappa in cinque comuni

14 febbraio 2020, 13:49

Arrriva lo sportello itinerante sul gioco d'azzardo: farà tappa in cinque comuni

La fortuna non esiste, la dipendenza da gioco d’azzardo sì ed è una malattia. Il gioco d’azzardo è accettato, pubblicizzato e a “portata di mano”. C’è chi vive il gioco senza problemi, come un divertimento. Ma molti non sono consapevoli dei rischi che il gioco può comportare: gravi problemi di denaro, difficoltà in famiglia e nelle relazioni sociali.

E’ per queste persone che l’Azienda USL, insieme all’Unione dei Comuni delle Valli del Taro e del Ceno, ha attivato uno sportello itinerante, gestito da un professionista del Servizio dipendenze patologiche.

Lo sportello itinerante è ad accesso libero e gratuito e si trova a Berceto, il terzo martedì del mese dalle 9.30 alle 12.30 a Villa Berceto, Via Olari 5; a Borgotaro, il primo martedì del mese dalle 9.30 alle 12.30 in Municipio, Piazza Manara 6; a Fornovo, il secondo martedì del mese dalle 9.30 alle 12.30 (in alternanza con Medesano) in Municipio Piazza Libertà 11; a Medesano, il secondo martedì del mese dalle 9.30 alle 12.30 (in alternanza con Fornovo) nella sede dell’Avis, Piazza Rastelli 3; a Varano, il primo lunedì del mese dalle 9.30 alle 12.30 in Municipio, Via Martiri della Libertà 14.

Allo sportello, professionisti qualificati forniscono le necessarie informazioni sulla ludopatia e sui servizi presenti nel territorio per uscire da questa forma di dipendenza patologica. Inoltre, lo sportello garantisce anche il necessario sostegno, con l’eventuale invio allo Sportello antiusura provinciale, per i giocatori (e loro familiari) che si trovano in una condizione debitoria.

Il servizio è gratuito ed è garantito l’anonimato.

Con l’avvio dello sportello itinerante, è attivo anche un numero telefonico dedicato 339.6838860 che risponde dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17.

Lo sportello itinerante è parte del progetto “Prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico" del Distretto Valli Taro e Ceno dell’Azienda USL di Parma, finanziato dalla Regione Emilia-Romagna in co-progettazione con l'Ufficio di Piano distrettuale.