Sei in Bardi

BARDI

Nuove ztl in Consiglio Il sindaco: «Per ora rimandate»

di Erika Martorana -

13 novembre 2020, 09:50

Nuove ztl in Consiglio  Il sindaco: «Per ora rimandate»

Rinvio della nuova Ztl ed approvazione del piano finanziario per i rifiuti 2020. Sono stati questi i punti cruciali al centro dell’ultimo consiglio comunale di Bardi. In seguito alla lettura ed approvazione dei verbali della seduta precedente, a prendere la parola sono stati i capigruppo delle due minoranze: il consigliere Giuseppe Conti, tra le altre cose, ha nuovamente sottolineato le problematiche relative alla linea internet, costantemente funzionante ad intermittenza nella centralissima via Cella. Una situazione che, come ha sottolineato il sindaco, Giancarlo Mandelli, non soddisfa nemmeno l’amministrazione comunale, la quale, anche in Municipio, ha dovuto ripetutamente fare i conti con queste problematiche: «È una cosa che abbiamo fatto presente già più volte - ha detto -, il problema è che non vengono fatte le manutenzioni sotto le linee e puntualmente si vengono a creare problemi». 
A parlare è stato poi il consigliere Valentina Pontremoli, che ha chiesto, tramite un’interrogazione, delucidazioni in merito alla nuova ztl: «Molte persone ci hanno fatto domande  sull’informativa che è uscita, in cui c’è un elenco di vie divenute ztl dal 12 ottobre scorso. Secondo noi la decisione di includere nuove vie nella ztl avrebbe dovuto prima coinvolgere gli abitanti e i commercianti, oltre che noi della minoranza: avremmo dovuto studiarla insieme. La viabilità è sempre stata un punto dolente per Bardi però di punto in bianco far uscire una cosa di questo genere ha mandato in panico tutti, compresi noi». Ecco, allora, la replica di Mandelli: «Siamo partiti per fare la ztl, convinti che sia a favore dei commercianti  poi abbiamo pensato che sarebbe stato più opportuno dare la possibilità sia ai commercianti che ai cittadini di regolamentare prima il parcheggio: l’intenzione è rendere più evidenti le strisce, fare la zona disco, e provvedere ad assegnare un posto macchina presumibilmente al parco don Bosco o a San Francesco per ogni attività commerciale e, solo in un secondo tempo, passare alla ztl. Dobbiamo quindi verificare se regolarizzare il parcheggio porterà benefici, poi decideremo il dà farsi». 

La seduta si è conclusa con l’approvazione all’unanimità del piano finanziario per i rifiuti e la determinazione delle tariffe 2020. «Si conclude  con una maggiore entrata di circa 20 mila euro che, spalmata sulle tariffe, incrementa da un 3 a un 5 % la spesa delle utenze domestiche rispetto all’anno precedente». Il Comune ha optato, invece, per una detrazione sulle utenze non domestiche, avendone i mezzi attraverso l’avanzo: «Si tratta di una detrazione unica, del 25% - ha spiegato la ragioniera -, sia sulla quota fissa che su quella variabile». Per contenere l’aumento, l’amministrazione ha deciso di accollarsi 40mila euro di spesa della discarica che, altrimenti, sarebbero rientrati nei conteggi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA