Sei in Borgotaro

calestano

Ucraino 39enne aggredisce i passanti: arrestato e già rimesso in libertà

21 settembre 2020, 12:20

Ucraino 39enne aggredisce i passanti: arrestato e già rimesso in libertà

Si aggirava per strada minacciando e aggredendo i passanti. Nella giornata di venerdì i carabinieri della compagnia di Borgo Val di Taro hanno arrestato un 39enne di origine ucraina per resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. L’uomo è stato a fermato a Calestano. I militari dell’Arma sono giunti immediatamente sul posto dopo aver ricevuto le segnalazioni dei passanti terrorizzati. Alla vista delle divise il 39enne ha dato in escandescenza scagliandosi contro i carabinieri che con difficoltà sono riusciti a bloccarlo. Il fermato, gravato da precedenti di polizia, è un soggetto conosciuto: già in passato si era reso protagonista di simili episodi. Qualche giorno fa era stato fermato dai militari dopo aver minacciato alcuni cittadini imbracciando un fucile giocattolo privo del tappo rosso. Nella prima mattina di oggi l’arresto è stato convalidato dall’autorità giudiziaria e l’ucraino rimesso in libertà.

“Siamo solidali e ringraziamo i carabinieri che hanno effettuato il tumultuoso arresto di uno straniero recidivo e violento che aggrediva i passanti a Calestano. Lo straniero è già, purtroppo e come troppo spesso succede, in libertà. Stasera o domani le forze dell’Ordine si ritroveranno nel parmense, a Parma città, a Roma, a Como, a Caserta, ovunque, a ri-arrestare qualcuno che in teoria avrebbero già assicurato alla giustizia. Senza soluzione di continuità. In Italia oggi funziona così. Perché la giostra possa continuare all’infinito, ieri a Lampedusa ci sono stati 26 sbarchi in 24 ore: un record. Il governo PD-5 Stelle protegge tutti, tranne gli italiani”. Così Laura Cavandoli e Maurizio Campari, parlamentari parmigiani della Lega