Sei in Borgotaro

BORGOTARO

Ladri in azione: quattro case svaligiate

Sembra che i malviventi  siano stati avvistati su una Polo grigia: molte le testimonianze tradotte in post sui social ma nessuna  chiamata è arrivata ai carabinieri

07 ottobre 2020, 11:00

Ladri in azione: quattro case svaligiate

Ladri in azione, in quest’ultimo weekend, anche a Borgotaro. Principalmente, gli episodi (almeno quattro accertati) sono avvenuti in tre località borgotaresi: «Costazza», «Bacìno» e «Pontolo».
 Il sistema usato dai ladri (che pare  si spostassero su una «Volkswagen Polo» grigia, con targa FC, probabilmente falsa o clonata), è, in pratica, un «remake» di altri casi già visti: un distinto signore suona al citofono di varie abitazioni. Se qualcuno risponde, non si fa nulla, o, al massimo, si chiede un’informazione qualsìasi. Se invece, nessuno è in casa, si procede a forzare la porta d’ingresso ed a passare alla minuziosa ricerca di denaro, gioielli, monìli ed altri oggetti di valore. Si pensi che, in questo caso, alcune porte erano pure blindate. Si tratta quindi di persone certo non sprovvedute. E’ incerto il valore complessivo dei bottini messi a segno, comunque si tratta di alcuni orologi, banconote, oggetti in oro ecc. Tutte le case visitate sono state messe completamente a soqquadro. Era scattato, già nel pomeriggio di domenica scorsa, sui social, un lungo «tam-tam» di segnalazioni, per avvisare gli amici, di quanto stava accadendo. Ma la cosa incredibile è che i derubati (o i semplici segnalatori), lo scrivono su Facebook e non chiamano i Carabinieri. Sui social, una signora, alle 15 di domenica, ha scritto di avere visto due individui scavalcare una staccionata ed entrare in un giardino di una abitazione. Ma solo alle 21, sono stati chiamati  i Carabinieri.
 Quindi l’invìto, anche dell’intera comunità, è quello di seguire le istruzioni che gli stessi militari dell’Arma, ogni volta, ci forniscono e principalmente, la massima tempestività nel chiamare il «112» e riferìre, con precisione, quanto è accaduto. Anche il primo cittadino Diego Rossi ha espresso il suo commento su questi nuovi furti, ai danni dei cittadini: «Siamo preoccupati - ha detto - per episodi come questi, che turbano la serenità e la normale quiete della nostra vita quotidiana».
f.b.