Sei in Borgotaro

carabinieri

Tra Valtaro e Valceno sequestrate 62 armi detenute illegalmente

16 ottobre 2020, 11:30

Tra Valtaro e Valceno sequestrate 62 armi detenute illegalmente

Negli ultimi mesi i Carabinieri della Compagnia di Borgotaro hanno effettuato diversi servizi alla ricerca di armi clandestine ed al sequestro di quelle non regolarmente detenute. E non è un caso: in Valtaro e Valceno sono molti i possessori di armi da fuoco, detenute sia perché ricevute in eredità, sia perché utilizzate per la caccia. Diversi anche i detentori di armi bianche: spade, sciabole e katane. E ne sono state sequestrate complessivamente 62 armi, con diverse persone denunciate alla Procura della Repubblica.

I servizi preventivi in materia di armi continuano incessantemente con il chiaro intento di sensibilizzare chi detiene armi a custodirle in maniera idonea ma soprattutto a farne denuncia presso una Stazione dell’Arma.

Per tale motivo si ricorda che:

- chi entra in possesso di armi deve farne denuncia presso una Stazione Carabinieri entro le 72 ore successive alla acquisizione della loro materiale disponibilità;

- chi cambia il luogo di detenzione di armi, dopo averne ricevuto il nullaosta, deve farne denuncia presso una Stazione Carabinieri entro le 72 ore successive;

- è obbligatorio denunciare presso una Stazione Carabinieri la detenzione di spade, sciabole, katane che abbiano lama affilata o punta od entrambe;

- chi detiene armi in casa deve custodirle con ogni diligenza nell'interesse della sicurezza pubblica;

- chi scopre armi in casa di parenti deceduti deve darne immediata comunicazione alla Stazione Carabinieri;

- è vietato consegnare armi a minori degli anni diciotto o a persone anche parzialmente incapaci, a tossicodipendenti o a persone impedite nel maneggio;

- non possono essere portati, fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa, armi, mazze ferrate o bastoni ferrati, sfollagente, noccoliere. Inoltre, senza giustificato motivo, non possono portarsi, fuori della propria abitazione o delle appartenenze di essa, bastoni muniti di puntale acuminato, strumenti da punta o da taglio atti ad offendere, mazze, tubi, catene, fionde, bulloni, sfere metalliche, nonché qualsiasi altro strumento non considerato espressamente come arma da punta o da taglio, chiaramente utilizzabile, per le circostanze di tempo e di luogo, per l'offesa alla persona.