Sei in Busseto

LUTTO

Busseto piange Giovanni Bardelli stroncato a 46 anni

Cresciuto a Polesine, era direttore di banca a San Secondo, il suo paese di origine    
 

di Paolo Panni -

02 maggio 2019, 12:01

Busseto piange   Giovanni Bardelli stroncato a 46 anni

Grande cordoglio, nella Bassa, per la morte improvvisa di Giovanni Bardelli, 46enne di Busseto molto conosciuto e stimato non solo nella città di Verdi, ma anche nei vicini centri di Polesine (dove ha a lungo vissuto coi genitori) e San Secondo (dove lavorava). 
A stroncarlo è stato, con ogni probabilità, un attacco cardiocircolatorio che lo ha colpito nella notte tra lunedì e ieri, nella sua casa di Busseto. Subito è scattato l’allarme e nonostante il rapido intervento dei mezzi e del personale sanitario inviati dal 118 e i successivi, disperati tentativi di rianimazione, per lui non c’è stato purtroppo nulla da fare.  La notizia della sua improvvisa scomparsa si è sparsa rapidamente in tutta la zona sollevando sentimenti di vivo cordoglio. 
Nato a San Secondo il 5 dicembre 1972, dopo aver frequentato le scuole dell’obbligo a Polesine (dove ha trascorso la gioventù) si è diplomato in ragioneria a Fidenza e, quindi, si è laureato in Economia e commercio a Piacenza. Ha sempre lavorato in ambito bancario, negli ultimi anni, alla guida, come direttore, di diverse filiali della Banca Monte Paschi di Siena di diverse località del Parmense (e del Piacentino). 
Attualmente dirigeva la filiale di San Secondo della stessa banca. 
In campo lavorativo ha sempre dimostrato grandi doti professionali e una chiara propensione verso gli argomenti legati al mondo della  finanza. 
A livello personale, come ricordato ieri da tanti amici, si è sempre distinto per la notevole discrezione, la semplicità e la simpatia, molto legato tanto alla moglie Claudia e ai figli Rebecca e Francesco quanto ai genitori Norma e Arturo. Appassionato di calcio (era tifoso juventino), da tempo era una appassionato raccoglitore di fumetti e aveva una spiccata propensione per l’intaglio del legno (stava seguendo un corso ad hoc per questo tipo di hobby). 
Soltanto pochi giorni fa, il 21 aprile, e quindi per Pasqua, aveva festeggiato i 18 anni di matrimonio con la moglie Claudia. 
Lunedì aveva effettuato tutte le normali attività quotidiane e aveva seguito i figli nelle loro pratiche sportive. Poi, in nottata, mentre stava riposando la situazione è precipitata con l’improvviso malore che lo ha colpito senza lasciargli scampo. Ieri in tanti si sono stretti ai familiari, in un grande e commosso abbraccio, nel tentativo di portare un po’ di conforto.
 A Busseto, Polesine e San Secondo in tanti ne hanno voluto ricordare le doti umane e professionali, che facevano di lui, davvero, una bella persona. Oggi sarà recitato il rosario nell’insigne chiesa collegiata di san Bartolomeo Apostolo in Busseto dopo la messa delle 18.30.
 I funerali sono fissati per domani, alle 15, partendo dalla camera mortuaria di Busseto per la stessa collegiata. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA