Sei in Busseto

BUSSETO

Sorpreso ad abbattere piccoli uccelli protetti e a nasconderli in una calza: denunciato bracconiere

12 novembre 2020, 10:02

Sorpreso ad abbattere piccoli uccelli protetti e a nasconderli in una calza: denunciato bracconiere

Stava cacciando allodole nelle campagne del bussetano, ma i Carabinieri Forestali appostati nei pressi hanno chiaramente percepito che il canto reiterato, emesso a ciclo continuo, ad alto volume, non poteva che provenire da uno strumento acustico con canti registrati. Un richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico, vietato dalla normativa sulla caccia.

Il controllo su quanto abbattuto dal bracconiere ha evidenziato poi la presenza di alcune specie protette: Pispola e Calandrella, piccoli uccelli di una ventina di grammi purtroppo sempre più rari e rigorosamente protetti dalla legge, nascosti nella calza della gamba sinistra.

La successiva, inevitabile perquisizione nell’ abitazione ha permesso di trovare  trentasette ulteriori esemplari di Pispola congelati. Questi piccoli uccelli dal “becco fine” prevalentemente insettivori, oggi protetti, costituivano la base per un tradizionale piatto delle regioni alpine la “polenta e osei”.

Oggi questa tradizione sopravvive in particolare nel bresciano, zona di provenienza anche del bracconiere fermato, dove nel mese scorso due Carabinieri Forestali che prestano servizio nel parmense sono stati inviati con un gruppo di una trentina di colleghi di altre regioni per contrastare il grave fenomeno della cattura illegale di animali protetti.

All'uomo fermato sono stati sequestrati l’arma, le cartucce, gli esemplari appartenenti a specie protette e il richiamo acustico a funzionamento elettromagnetico, ed è stato segnalato alla Procura per abbattimento e detenzione di esemplari di avifauna selvatica particolarmente protetta ed esercizio dell’attività venatoria con utilizzo di richiami acustici elettromagnetici.