Sei in Busseto

maltempo

Bassa Ovest sotto pioggia, vento e una forte grandinata: diversi danni. Incidenti e parabrezza rotti dai maxi-chicchi in A1 tra Fiorenzuola e Fidenza - Foto

26 luglio 2021, 15:44

Chiudi
PrevNext
1 di 11

Un forte temporale associato a grandinata e vento ha colpito intorno alle 15 di lunedì Fidenza e la Bassa Ovest. Sono già segnalati dei danni: tetti rovinati, gazebo e tendoni distrutti. Stano intervenendo i i vigili del fuoco in diverse zone. A Fidenza, dove non è grandinato, il forte vento ha fatto cadere numerosi alberi e danneggiato diverse strutture commerciali, divelti tetti di capannoni. "In centro storico una copertura di un edificio si è completamente sbriciolata e diversi pezzi di truciolato, anche grandi, sono ora sparsi in varie parti del centro storico, in particolare via Cavour. Molto strutture private, sedie tavoli tendoni, sono danneggiate e San Donnino Multiservizi sta già riprogrammando i servizi per ripulire le zone colpite", fa sapere il sindaco Massari.

Scoperchiato anche il tetto della palestra di San Polo di Torrile.

Forti disagi anche sull'A1 tra Fiorenzuola e Fidenza, dove la grandine ha provocato incidenti e diverse rotture di parabrezza. Sul posto le ambulanze del 118.

Chicchi di gradine grandi come albicocche o uova hanno colpito le colture dell’Emilia-Romagna da Piacenza a Ferrara, danneggiando campi di pomodori, cocomeri, meloni, mais, pere, barbabietole, zucche e patate. Lo riferisce Coldiretti Emilia Romagna. «Nelle province di Parma, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara la violentissima grandinata che si è abbattuta nel pomeriggio ha causato milioni di danni, fra quelli procurati alle colture e quelli riportati dalle attrezzature agricole e dalle strutture», scrive l'associazione.

E oggi - mentre è ancora in corso la conta dei danni - Fabio Fecci, vicepresidente Anci, ha scritto a Draghi e Bonaccini chiedendo che sia al più presto dichiarato lo stato di calamità naturale e che vengano stanziati i fondi per i primi interventi economici necessari alla popolazione colpita.