Sei in Colorno

via colorno

Auto travolge  due pedoni: fuori pericolo la 63enne investita

23 novembre 2020, 12:36

Auto travolge  due pedoni: fuori pericolo la  63enne investita

«Me li sono trovati davanti, in mezzo alla strada.  Barcollavano visibilmente. Non ho potuto fare nulla per evitarli. Meno male, però, che andavo piano». 
È  piuttosto  scosso l'uomo di 61 anni che ieri sera, intorno  alle 21,   lungo via Colorno, davanti al distributore della Esso, ha investito due persone che erano a piedi. 
Da una prima ricostruzione si tratterebbe di  madre e figlio, lei di 63 anni e lui di 45, di nazionalità rumena.  
Il guidatore, originario di Piadena, nel Cremonese, a quell'ora, assieme alla moglie,  stava  tornando nella regione dove risiede,  dopo aver lavorato tutta la giornata proprio a  Parma, dove la coppia ha un'attività. A un certo punto, per cause che verranno ricostruite dalla polizia locale arrivata immediatamente in via Colorno per effettuare i rilievi di legge, la Peugeot su cui marito e moglie  viaggiavano si è trovata di fronte la donna e l'uomo. A piedi, in  mezzo alla strada, e probabilmente, sempre dalle testimonianze raccolte sul luogo dell'incidente, ubriachi.  Proprio la donna ha avuto la peggio. 

Centrata dall'auto è infatti   andata  a sbattere contro il parabrezza dalla parte del guidatore che è andato in frantumi per poi finire  sull'asfalto. L'uomo che era con lei  sarebbe stato, invece,  solo sfiorato. Illesa, infine,  la coppia cremonese.  Il 61enne ha immediatamente dato l'allarme e in via Colorno sono arrivate un'ambulanza della Croce rossa e l'automedica e un'ambulanza dell'Assistenza pubblica che hanno trasportato i due al pronto soccorso del Maggiore. Serie le condizioni della 63enne che ha riportato   ferite alla testa e al bacino ma che oggi è stata dichiarata fuori pericolo. Ferite lievi, invece,  per il 45enne.     Ad aiutare, invece, la polizia locale nei rilievi di legge, la serata senza nebbia e anche  lo scarsissimo traffico, dal momento che di lì a poco sarebbe scattato il «coprifuoco» previsto dalle misure per contrastare il Covid. 
Nel frattempo, il 61enne cremonese ha potuto comunque  far ritorno a Piadena. Prima di rimontare  sulla sua auto, però, il suo pensiero è andato ancora alla donna investita.  «Speriamo che si riprenda»  è la sua preoccupazione.  L'uomo sostiene che nel tratto in cui è avvenuto l'incidente, che lui  percorre spessissimo, «specialmente quando è buio bisogna sempre fare la massima attenzione, perché a volte  si incontra gente in sella alla bici senza fanale. Io, però,  vado sempre piano e   stavo guidando così anche stasera».    

r.c.