Sei in Corniglio

CORNIGLIO

Bosco, nuova vita per la ex scuola

Era chiusa dal 2002. Il sindaco Delsante: «La struttura  dovrà essere a servizio del territorio»

di Beatrice Minozzi -

19 gennaio 2020, 10:33

Bosco, nuova vita per la ex scuola

CORNIGLIO  - E’ un viaggio tra passato e futuro quello intrapreso a Bosco in occasione dell’inaugurazione dell’ex scuola Pablo del borgo dell’Alta Val Parma. 
Un viaggio tra istantanee di ieri e prospettive per il futuro, che è culminato nel taglio del nastro della nuova vita di una struttura, chiusa dal 2002, rilanciata attraverso un progetto di ristrutturazione e riqualificazione finanziato dalla Regione con quasi 500 mila euro. 
La giornata ha preso il via con i saluti del sindaco di Corniglio, Giuseppe Delsante che ha ricordato che la riqualificazione della scuola di Bosco era già stata inserita come priorità nel programma elettorale 2014-2019.
 «Appena è stato pubblicato un bando che facesse al caso nostro – ha aggiunto Delsante – abbiamo partecipato, risultando primi a livello provinciale e sesti a livello regionale». 
«Ora la sfida è riempire di contenuti il contenitore – ha aggiunto Delsante – perché diventi una struttura a servizio del nostro territorio».
 Il sindaco ha spiegato poi che la struttura, che sarà destinata a sede del Soccorso Alpino, magazzino comunale di Protezione Civile, sala polifunzionale, mediateca, base per professionisti e associazioni legate al turismo, quali Gae, Cai e Uisp, e base logistica per i Parchi del Ducato e per il Parco Nazionale, tornerà anche ad ospitare il centro estivo di Bosco e la sede del Consorzio di Miglioramento Alta Val Parma, mentre l’intervento – eseguito anche in un’ottica di risparmio energetico dalla ditta Chiastra e Pattera in collaborazione con la ditta Baiocchi – è stato presentato dal direttore dei lavori Marco Lusardi. 
La consigliera regionale Barbara Lori ha invece rimarcato che «questo è un segno tangibile dell’impegno che in questi anni la Regione ha speso a favore della montagna, finanziando il recupero di un luogo vivo, a servizio di una comunità che in montagna deve poter continuare a vivere con gli stessi servizi di cui possono usufruire le persone che vivono in pianura», mentre il vicesindaco Matteo Cattani – che insieme a Nando Donnini e a Luigi Ughetti ha raccontato esperienze e aneddoti nel corso della tavola rotonda «La scuola di ieri e di oggi» - ha parlato di «un seme per cambiare il territorio che va coltivato e innaffiato con cura ogni giorno» e di «una sfida ad una valle che ha bisogno di essere valorizzata attraverso le associazioni, i privati e tutte le realtà che ce l’hanno a cuore».
 La giornata è proseguita con il taglio del nastro, la benedizione di padre Orlando Ruiz Mesa, la visita alle mostre fotografiche sulla scuola elementare e sulla scuola dell’Infanzia curate dalle maestre Silvana Moretti, Cecilia Iasoni e Pia Maestri, e con la lettura da parte dell’insegnante Daniela Baratta dei testi scritti dagli ex alunni. 
Oggi il programma prosegue, alle 10,30, con la presentazione del Piano di Azione ambientale dei Parchi del Ducato e, alle 11, con la tavola rotonda sul tema «La nuova rete sentieristica e il cicloturismo».