Sei in Fidenza

CARABINIERI

Fidenza, magrebino aggredisce il capotreno e poi i carabinieri: ricoverato con un trattamento sanitario obbligatorio

Passeggeri beffati: senza il controllore il treno non può viaggiare. Hanno dovuto attendere un altro treno

02 aprile 2021, 10:39

Fidenza, magrebino aggredisce il capotreno e poi i carabinieri: ricoverato con un trattamento sanitario obbligatorio

La chiamata alla centrale operativa della compagnia di Fidenza dei carabinieri è arrivata dal personale delle Ferrovie dello Stato. Un uomo, apparentemente fuori di sé, disturbava i passeggeri del Regionale Bologna–Milano, importunando le donne, insultando gli uomini evitando i controlli del capo-treno cui ha sferrato, all’ennesimo tentativo di controllo, un pugno in pieno viso.

All’arrivo in stazione a Fidenza, il 42enne di origini magrebine, in Italia senza fissa dimora, è tranquillamente sceso dal vagone per fumare una sigaretta. Ad attenderlo gli uomini del Nucleo Radiomobile. Per nulla intimorito, urlando frasi senza senso, li ha aggrediti colpendoli con calci e testate, venendo però velocemente bloccato. Giunto in caserma, il soggetto non si è quietato, anzi continuava ad urlare frasi sconnesse e commettere tentativi di autolesionismo. I militari, quindi, hanno attivato la procedura del trattamento sanitario obbligatorio e l’uomo è stato ricoverato a Parma.

Mentre il capotreno veniva accompagnato all’ospedale, ove è stato medicato. I passeggeri non hanno potuto tirare un sospiro di sollievo, nonostante l’intervento dei militari: senza il controllore il treno non può viaggiare, quindi hanno dovuto attendere a lungo l’arrivo di un altro treno da Milano.

Il 42enne dovrà rispondere di lesioni, interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale