Sei in Langhirano

langhirano

Addio a Lella: la sua edicola fu un ritrovo di amici

Se n'è andata un'altra figura storica del paese. La sorella gemella Pina: "era buona, un grande dolore non averla salutata"

23 maggio 2020, 10:24

Addio a Lella: la sua edicola fu un ritrovo di amici

Un’altra figura storica di Langhirano è purtroppo mancata nei giorni scorsi. Ariella Melegari Fuligni, una delle gemelle Fuligni, è scomparsa all’età di 75 anni. 
Per tutti i langhiranesi era Lella e lei e la sorella Giuseppina, detta Pina, sono state per anni le edicolanti di Langhirano. E il grande cordoglio per la sua scomparsa è testimoniato dalle tante telefonate che Pina ha ricevuto in questi giorni. Era il 1954 quando le due sorelle, orfane del padre, giunsero dal reggiano con la madre a Langhirano per prendere in gestione l’edicola della piazza, situata allora in una piccola casetta in legno. 
Passano gli anni e la famiglia si sposta in via Mazzini, dove all’edicola si aggiunge la cartolibreria, dove le sorelle lavorano insieme alla madre e al padrino. 
Nel tempo si aggiunge anche la gestione dell’edicola dal monumento, che viene tenuta da Lella. Le sorelle sono giovani, quasi indistinguibili se non per dei particolari. E l’edicola diventa un vero e proprio punto di ritrovo per i coetanei e si forma una vera e propria compagnia di amici, che si fermavano a chiacchierare tutte le sere, dopo l’orario di chiusura. Pina, dopo la cessione del negozio in via Mazzini, continua ad aiutare la sorella, andando a distribuire i giornali nelle casa di cura. Una vita vissuta insieme, superando le gioie e i momento di difficoltà, 
come la prematura scomparsa del marito di Lella. «La mia metà è morta – ricorda commossa Pina -. Lella era allegra, buona, non si lamentava mai. È un gran dolore, non ho potuto vederla per mesi, non l’ho salutata. Ringrazio tutti quelli che in questi giorni mi hanno chiamato; è il segno che ha lasciato in tanti un buon ricordo». 
Ricordo al quale di associano anche «gli amici e le amiche dei migliori anni», 
la compagnia dell’edicola, che a nome di Lella hanno provveduto a fare una donazione all’Assistenza pubblica e alla sezione Avis. Un gesto solidale per ricordare l’amica scomparsa.