Sei in Medesano

MEDESANO

Bianchi lascia dopo la sconfitta elettorale

Il consigliere comunale: «Mi assumo in prima persona la responsabilità di questo insuccesso. Dimettendomi farò spazio ai giovani del gruppo»

di Mariagrazia Manghi -

01 giugno 2019, 11:59

Bianchi lascia dopo la sconfitta elettorale

Roberto Bianchi pronto a lasciare la carica di consigliere comunale di Medesano? La notizia, che serpeggiava, rimbalza sui social e rapidamente vola di bocca in bocca, dalla rete alla piazza. 
«Abbiamo fatto una campagna elettorale spiegando le ragioni del nostro impegno – il candidato sindaco della lista Futuro e tradizione per Medesano, uscito sconfitto dal voto, ha postato il pensiero sul suo sito – non abbiamo raccolto i consensi che ci aspettavamo nonostante l’impegno profuso da tutti i componenti della mia squadra che ringrazio. Mi assumo in prima persona la responsabilità di questa sconfitta e formalizzerò quanto prima le mie dimissioni da consigliere comunale contribuendo in tal modo alla crescita della componente giovanile del gruppo. In tutti questi anni ho dato tutto me stesso con lealtà e senso del dovere conseguendo risultati di cui vado fiero; ora tocca ad altri». Bianchi sindaco di Medesano lo è già stato per due mandati dal 2004 al 2014; nell’ultima legislatura è stato il capogruppo di minoranza in consiglio comunale con la lista civica Liberi e Uniti per il paese. Per la nuova tornata elettorale aveva messo in piedi un progetto nuovo, ampio, una sintesi di civismo e centro destra unito con i partiti Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia direttamente in campo. Questi stessi partiti che alle europee insieme hanno sfiorato il 60% a Medesano non sono stati sufficienti per fargli vincere la battaglia per il Municipio. Raggiunto telefonicamente Bianchi dice: «Quello che ho scritto è quel che penso, ma non ho specificato il momento. Questa è la mia analisi, per la formalizzazione ci saranno sedi opportune. Comunque non scappo. Si può essere un riferimento e dare consigli anche da dietro le quinte per preparare i giovani, le donne, che ci sono per le prossime sfide. Credo sia giusto, dopo tanti anni, lasciare spazio. Mi metto a disposizione». 
Sui social fioriscono commenti, risposte, sollecitazioni a non mollare. Bianchi chiarisce: «In questo contesto penso che sia un’operazione da fare. Un ciclo si chiude e qualcosa di nuovo si deve aprire».