Sei in Montechiarugolo

MONTECHIARUGOLO

Pedemontana sociale, Friggeri lascia: "Mancate le condizioni per svolgere correttamente il ruolo"

di Nicoletta Fogolla -

26 maggio 2021, 09:55

Pedemontana sociale, Friggeri lascia: "Mancate le condizioni per svolgere correttamente il ruolo"

Il sindaco di Montechiarugolo Daniele Friggeri non è più vicepresidente dell’Azienda pedemontana sociale.  Il primo cittadino motiva così la scelta di rinunciare all’incarico: «Non ci sono le condizioni per svolgere come vorrei il ruolo che, insieme alla rappresentatività dei Comuni di Montechiarugolo e Traversetolo, significava poter esercitare un maggior approfondimento e condivisione, nelle quotidiane decisioni». 
Le sue dimissioni sono state comunicate ufficialmente nei giorni scorsi, anche durante il Consiglio dell’Unione pedemontana parmense, che raggruppa i Comuni di Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo, i cui servizi alla persona sono per l'appunto gestiti dall’Azienda pedemontana sociale. Per correttezza e tradizione, all’interno dell’Aps, il vicepresidente rappresenta il sub-ambito non rappresentato dalla presidenza. In questo caso, i Comuni della Val d’Enza, vale a dire Montechiarugolo e Traversetolo.

«Rinuncio al mio ruolo di vicepresidente dell’Azienda pedemontana sociale – afferma Friggeri - con profondo rammarico, in quanto credo in tale istituzione e nei suoi ruoli rappresentativi. Avevo accettato l’incarico, ovviamente non remunerativo, con spirito di servizio verso i cittadini e spinto dalla volontà di voler far bene. Purtroppo, però, non si sono create le condizioni per svolgere correttamente il ruolo. Dunque, si tratta di un segnale che dovevo dare e spero che venga recepito da chi di dovere e che migliorino le condizioni». Il primo cittadino di Montechiarugolo sottolinea: «Ho aspettato il momento giusto per rassegnare le dimissioni, rappresentato dalla ripartenza alle porte dopo due anni di pandemia. Penso sia il momento di lanciare dei messaggi forti e chiari su chi siamo e per quali ideali facciamo politica. Io ho le idee molto chiare al riguardo – conclude Friggeri - . Posso dire che noi siamo Montechiarugolo, fieri di portare avanti una comunità che ha sempre dimostrato il proprio valore coi fatti. Non è più accettabile accontentarsi dello status quo. Bisogna essere parte del cambiamento destinato a condurci fuori dalla crisi e contribuire a costruire il mondo che ci aspetta». Friggeri continuerà, comunque, a far parte del Consiglio d’Amministrazione (Cda) dell’Azienda pedemontana sociale.