Sei in Neviano

Scurano

Cascata della Grondara, piccolo paradiso ora a portata di mano

Ripristinato e inaugurato il sentiero che porta all'incantevole oasi

di MARIA CHIARA PEZZANI -

17 luglio 2020, 10:55

Cascata della Grondara, piccolo paradiso ora a portata di mano

A Scurano la cascata della Grondara è finalmente a disposizione della comunità. Da tempo infatti il sentiero che conduce a questa perla regalata dalla natura era ormai impraticabile, rendendola di fatto inaccessibile e celata dalla vegetazione. Il recupero è stato reso possibile grazie all’iniziativa di Renato Bondani, che già da tempo si era confrontato con l’amministrazione sulla necessità di valorizzare la bella cascata poco conosciuta alla maggioranza delle persone, e frutto dalla sua volontà di ringraziare gli amici per la vicinanza e l’attenzione dimostrata durante la sua malattia. 
Un gesto concreto di affezione al territorio, perché la bella cascata potesse essere accessibile alla comunità e ai visitatori. «Sono stato ricoverato 50 giorni. È stata dura e tuttora sono in lenta ripresa – ha raccontato Bondani -. Volevo ringraziare tutti i miei compaesani che non mi hanno mai fatto mancare il loro supporto. Ogni giorno telefonavano per sapere le mie condizioni. Una dimostrazione di affetto che mi ha commosso». Nell’iniziativa Bondani ha coinvolto un gruppo di volontari del Gruppo podistico Scurano, di cui è presidente, a cui si sono aggiunti altri amici di Scurano pronti a mettersi a disposizione per l’impresa. Hanno riaperto il sentiero, lungo poco più di un chilometro, che porta dalla frazione fino alla cascata, ripulendo dalla fitta vegetazione e infine hanno sistemato la segnaletica che indica ai visitatori il percorso, facilmente percorribile da tutti. E sabato mattina si è svolta la festa di inaugurazione, alla presenza del sindaco Alessandro Garbasi, del gruppo Alpini di Scurano, dei Carabinieri e dei volontari che hanno preso parte ai lavori. A benedire il luogo il parroco di Neviano don Giandomenico Ferraglia e don Filippo Zappettini. «Un’acquisizione importante che, grazie a questa iniziativa, si somma alle tante bellezze che vanta il nostro territorio» ha commentato Garbasi.