Sei in Polesine

POLESINE ZIBELLO

«Bianchi, grande amico della Bassa»

Il neoministro è un sostenitore delle iniziative di Spigaroli: «Ci conosciamo da tempo, è sempre stato vicino al mondo dei ragazzi»
 

14 febbraio 2021, 11:08

«Bianchi, grande amico della Bassa»

La nomina di Patrizio Bianchi a nuovo ministro dell’Istruzione porta, a suo modo, sui banchi del Governo, anche un po’ di Bassa. 
Bianchi è stato, infatti, a fine 2019, tra i principali sostenitori dell’iniziativa «Puliamo il Po e puliremo il mondo» ideata e promossa dall’amministrazione comunale di Polesine Zibello guidata dal sindaco Massimo Spigaroli. 
All’epoca Bianchi era assessore regionale alle Politiche scolastiche. «La nostra conoscenza – ha ricordato Massimo Spigaroli – risale già ai tempi in cui ero presidente dell’associazione Chef to chef Emiliaromagnacuochi – e, insieme, avevamo condiviso progetti legati ai percorsi scolastici dedicati al settore alberghiero con lo scopo di incentivare e sostenere i giovani. Verso di loro l’allora assessore Bianchi aveva dimostrato una grande vicinanza al mondo dei ragazzi».
Bianchi era stato a Polesine, in più di una occasione, anche per l’evento «Centomani di questa terra» organizzato sempre dall’associazione Chef to chef Emiliaromagnacuochi nell’ambito di «Salumi da re». Poi, Spigaroli è diventato sindaco di Polesine Zibello lanciando appunto l’iniziativa «Puliamo il Po e puliremo il mondo» e Patrizio Bianchi aveva partecipato, il 24 novembre 2019, al convegno inaugurale nel teatro Pallavicino di Zibello. Convegno moderato dal direttore della «Gazzetta» Claudio Rinaldi, ed a cui aveva partecipato anche il presidente della Regione Stefano Bonaccini.


 In quell’occasione Patrizio Bianchi, insieme ai ragazzi delle scuole locali, aveva anche partecipato, infilandosi stivali e guanti da lavoro, alla posa simbolica di un gelso nel cortile della scuola primaria, insieme al sindaco Spigaroli e alle altre autorità presenti. In quell’occasione, ancora una volta, aveva dimostrato grande vicinanza ai ragazzi e una notevole sensibilità rispetto alle tematiche ambientali, come ricordato ancora da Spigaroli che ne ha ricordato quindi la «vicinanza al territorio e la grande disponibilità sempre dimostrata verso il mondo della scuola». «Bianchi – ha detto ancora il primo cittadino – conosce bene Polesine Zibello e la Bassa e quindi auspichiamo di poter contare ancora sulla sua sensibilità e disponibilità sempre dimostrata». 
Per lui, in un paio di occasioni, anche la partecipazione alla «Notte Bianca» di Busseto suggellata dal raduno regionale delle bande giovanili. Bianchi non è il solo ministro del governo Draghi che ha legami con la Bassa. A Zibello, alcuni anni fa, si era recato anche Renato Brunetta accolto dal sindaco di allora Manuela Amadei e, in quella occasione, aveva dimostrato di gradire particolarmente i prodotti tipici del territorio, su tutti lo strolghino di culatello.