Sei in Sissa

LA POLEMICA

I commercianti: «Fiera trascurata dal Comune»

Critiche per l'organizzazione in tempi ristretti: «Solo il 9 luglio assegnata alla Pro Loco». «Il nostro paese penalizzato rispetto a Trecasali: non è la vera sagra della tradizione». 

di Michele Deroma -

27 luglio 2019, 11:27

I commercianti: «Fiera trascurata dal Comune»

Entra nel vivo, a Sissa, la sagra di San Giacomo: ma in un weekend ricco di iniziative, non mancano i malumori, soprattutto tra i commercianti del paese. Che si sentono penalizzati, a tratti anche frustrati, assistendo ad una rassegna a loro parere «non adeguatamente valorizzata da parte dell’amministrazione comunale».
Sorride, proprio un rappresentante dei commercianti: «La sagra di San Giacomo? No, quest’anno non si può parlare di fiera. Purtroppo la sua organizzazione è stata particolarmente deficitaria». Un problema, quello della gestione della sagra sissese, sorto lo scorso 26 giugno, quando la locale associazione di promozione sociale «Sissa e Trecasali per Passione» ha annunciato polemicamente il proprio disimpegno dall’organizzazione della sagra sissese, parlando in un post su Facebook di «gravi accuse e diffamazioni subite». L’amministrazione di Sissa-Trecasali ha così emesso un bando di concorso per l’organizzazione della manifestazione, prevedendo l’emissione di un contributo economico destinato all’associazione che si sarebbe aggiudicata il bando: a partecipare è stata soltanto la Pro Loco di Sissa e Trecasali, a cui la giunta comunale ha affidato il 9 luglio l’incarico di organizzare la sagra, definendo la rassegna «una manifestazione dal profondo valore storico e di elevata importanza sociale». In tempi ristrettissimi, l’associazione ha quindi organizzato la storica fiera sissese: ma quanto è stata supportata dall’amministrazione comunale?
È quello che si chiedono i commercianti del paese, per i quali la sensazione è che «l’amministrazione si sia tirata fuori dal ruolo organizzativo sulla manifestazione. Onore alla Pro Loco che in pochi giorni ha allestito il programma della sagra, che tuttavia parte oggettivamente penalizzata rispetto alla fiera in programma ad inizio agosto a Trecasali. Crediamo che l’intento di valorizzare le manifestazioni, da parte dell’amministrazione comunale, sia stato differente». Vuole smorzare i toni della polemica Patrizia Magnani, presidente della Pro Loco di Sissa e Trecasali: «Siamo partiti in fretta, nell’organizzazione della sagra di San Giacomo, non appena abbiamo ricevuto l’assegnazione del bando, e l’amministrazione ci ha pienamente sostenuto:  in linea con i tempi e le modalità di contributo previste dall’amministrazione. Riteniamo importante conservare usi e tradizioni del paese».