Sei in Sorbolo

SICUREZZA

Avevano con sè cacciaviti, cesoie, chiavi inglesi o coltelli: denunciati (separatamente) in quattro

21 maggio 2021, 11:05

Avevano con sè cacciaviti, cesoie, chiavi inglesi o coltelli: denunciati (separatamente) in quattro

I Carabinieri della Compagnia di Parma, in particolare delle Stazioni di Parma Oltretorrente, Parma Centro e Sorbolo Mezzani con il supporto dei Carabinieri del Nas hanno effettuato un servizio straordinario finalizzato al controllo delle attività commerciali, alla prevenzione dei furti, alla repressione dello spaccio e del consumo di sostanze stupefacenti, e anche al controllo del rispetto delle normativa sul lavoro e della normativa emergenziale anti COVID-19.

Durante il servizio, che ha visto coinvolti diverse pattuglie dell’Arma, sono stati predisposti numerosi posti di controllo lungo le vie di accesso ai centri abitati; controllati oltre cento mezzi in transito, numerose persone e diversi locali pubblici ed attività commerciali.

Tre i denunciati per possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere: un 20enne albanese trovato con un cacciavite e una modica quantità di Hashish; un 33enne tunisino che aveva con sè un cacciavite, una chiave inglese e una modica quantità di Hashish; un 33enne italiano in possesso di un coltello a serramanico con lama di 9 cm.

Per possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli è stato denunciato un 42enne italiano che al controllo aveva una cesoia di grosse dimensioni, mentre un 34enne e una 24enne italiani sono stati denunciati per l’inosservanza del divieto di ritorno nel comune di Parma.

In un supermercato della città è stata bloccata e denunciata per furto una 47enne italiana che ha tentato di rubare generi alimentari, infine sono state segnalate alla  Prefettura, per uso personale di sostanze stupefacenti, 4 persone, a cui sono state sequestrate varie dosi di hashish.

Per quanto riguarda invece il rispetto della normativa anti Covid-19 i Carabinieri e i Nas hanno controllato diversi luoghi di assembramento, tra cui numerosi esercizi commerciali, accertando in tutti i casi il rispetto delle norme e l’uso della mascherina.