Sei in Tizzano

Tizzano

Barbara Lori inaugura il centro sportivo: Lagrimone in festa

Nuovo punto di aggregazione per la comunità

di Maria Chiara Pezzani -

06 giugno 2021, 11:00

Barbara Lori inaugura il centro sportivo: Lagrimone in festa

È stato inaugurato  il nuovo centro sportivo di Lagrimone, un luogo per il mondo sportivo e il volontariato, accanto alla struttura della Casa della Salute, che rappresenterà un importante punto di aggregazione per la comunità. 

La riqualificazione, finanziata dalla Regione Emilia Romagna, dal comune di Tizzano, dall’Istituto per il credito sportivo e dall’Avis, ha visto il rifacimento del campo da calcio, dal sistema di drenaggio fino al manto erboso, la sistemazione dell’area verde circostante, con la realizzazione del percorso vita, e degli edifici accessori.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Tizzano Val Parma Amilcare Bodria, l’assessore regionale alla Montagna Barbara Lori, la Giunta e i consiglieri comunali di Tizzano, il direttore del Distretto Sud Est Valerio Giannattasio, il dirigente dell’Istituto per il credito sportivo Alessandro Massai, il presidente dei Parchi del Ducato Agostino Maggiali, il presidente di Avis Tre Valli Alberto Calugi, l’assessore di Palanzano Marinella Vicini, i carabinieri e le associazioni del territorio, Avis, Croce Rossa e Alpini. 

Presenti anche i bambini e le bambine della scuola elementare di Lagrimone che hanno aperto la mattinata con i loro canti e presentato il loro compito di realtà «Se fossi un buon cittadino», un percorso attraverso i simboli della Repubblica e la Costituzione. «Grazie per i vostri canti che ci hanno ricordato da dove nasce la nostra Costituzione, base e garanzia della nostra libertà e democrazia – ha spiegato Bodria, ringraziando i bambini e tutti i presenti -. Inauguriamo un impianto sportivo dove poter svolgere diverse discipline e che svolgerà, ci auguriamo, un ruolo sociale di aggregazione e di legalità. Idealmente consegniamo alla comunità questo bene pubblico, aperto a tutti, anziani e giovani, che qui potranno praticare tanti sport». 

«Questo è un tassello importante di un lavoro che viene da lontano e che rappresenta un bell’esempio delle politiche della montagna, regalando al territorio un luogo che è davvero il cuore pulsante di una comunità che qui può trovare diverse cose – ha commentato Lori -. Qui c’è stata la capacità di progettare, un fattore non scontato per un piccolo comune. La Regione ha investito, tra centro sportivo e Casa della salute, 700mila euro. La volontà è quella di mettere in campo azioni per creare le migliori condizioni possibili per chi vive in Appennino e per chi vorrà farlo».