Sei in Traversetolo

verso il voto

Traversetolo, Tosi si candida a sindaco

di Maria Chiara Pezzani -

11 giugno 2021, 09:35

Traversetolo, Tosi si candida a sindaco

A Traversetolo è iniziata ufficialmente la campagna elettorale per le amministrative 2021 con la presentazione del candidato sindaco di Officina Traversetolo: Gianfranco Tosi, 60enne ingegnere informatico – gestionale, è stato scelto come candidato del gruppo, ora comitato politico elettorale. 

Ex militante, tra i fondatori del Pd locale, Tosi è un volto molto noto nel territorio per il suo impegno sociale, nella parrocchia, nell’Avis e da ultimo in Caritas con il progetto Carrello solidale. Per molti anni inoltre è stato corrispondente della "Gazzetta" per il suo paese. «Sono felice e onorato di essere qui con voi a sognare insieme il futuro di Traversetolo; orgoglioso di essere stato scelto come candidato sindaco di Officina Traversetolo - le sue prime parole durante l’incontro di presentazione ai sostenitori -. Straordinaria è la squadra che ha scommesso su questo progetto; straordinario è il fatto che stia emergendo una visione coraggiosamente innovativa, con una base comune solidissima e una visione della comunità solidale, integrata, efficiente, non arrogante – ha sottolineato -. Non stiamo preparando una normale campagna elettorale, stiamo dando vita ad un laboratorio di progettazione sociale che immaginiamo possa diventare una risorsa stabile del paese. Mi sono convinto rapidamente – ha concluso - che questo possa essere un esperimento  con un potenziale di cambiamento radicale».

Nelle parole della segretaria del Pd di Traversetolo Monica Mari la genesi del percorso che si è concretizzato con la presentazione del candidato. Un cammino iniziato con la sconfitta cinque anni fa e dalla consapevolezza «della perdita del rapporto con i cittadini – ha spiegato -. In questi lunghi mesi abbiamo  fatto un percorso innovativo, di ampia partecipazione, che veramente entrerà nella storia di Traversetolo». Una chiamata a raccolta che ha poi coinvolto personalità «civiche», con la costituzione di tavoli tematici per affrontare diversi ambiti di lavoro dove «alle nostre competenze si è aggiunto il parere di esperti, persone esterne di grande professionalità e esperienza – ha raccontato Petra Montanarini -. È stato un grande lavoro di squadra». «Un gruppo spontaneo che si è costituito lo scorso 28 maggio in un vero comitato politico-elettorale – ha spiegato Emilio Binini – che ora  intende promuovere la nascita di un’associazione, che avrà come scopo la prosecuzione del progetto politico, aperto a tutti, senza essere condizionati dalla propria appartenenza».

Infine il logo, con «la stilizzazione del palazzo municipale, un tratto chiaro ed essenziale – ha spiegato il portavoce Mattia Riccò -. I colori sono rosso e arancione; tinte calde, colori dell’entusiasmo e della passione». E lo slogan: «Dalle idee, al Comune».