Sei in Il Parma

PARMA CALCIO

Verso l'Udinese, D'Aversa: 'Dubbi su Pezzella in formazione'

31 agosto 2019, 15:37

Verso l'Udinese, D'Aversa: 'Dubbi su Pezzella in formazione'

"L'Udinese viene da un risultato positivo, affronteranno la gara con entusiasmo e consapevolezza, hanno concesso poco al Milan partecipando in dieci uomini alla fase difensiva e compattandosi. Hanno vinto su situazione da calcio d’angolo e noi abbiamo perso su angolo, questo dimostra l'importanza del preparare il particolare: quel che conta è l'interpretazione e come si affrontano le singole situazioni". Così il tecnico del Parma, Roberto D’Aversa, alla vigilia del match di domani in casa dei friulani, reduci dalla vittoria casalinga contro il Milan in una prima giornata di campionato che, invece, ha visto i gialloblù cedere in casa alla Juventus.

Si sfidano due allenatori che si conoscono bene. "Io e Tudor non ci siamo sentiti questa settimana ma l’anno scorso sì, abbiamo giocato insieme a Siena e avevamo stabilito un ottimo rapporto. Ha fatto molto bene quando è stato chiamato in causa, quest’anno dall’inizio è partito molto bene. Loro in fase difensiva schierano il 3-5-2 e il 3-4-2-1 in fase di costruzione, poi al di là di chi scende in campo credo porteranno avanti questo discorso tattico. Hanno molti giocatori di gamba, se non lavoriamo compatti possiamo avere delle difficoltà, sfruttano l’ampiezza". 

"Quando si incontrano due sistemi di gioco così come il 3-5-2 e il 4-3-3 chi ha il possesso palla ha dei vantaggi e forse contro di noi verranno a prenderci più alti, però quel che conta non è il sistema di gioco ma come si interpreta la gara", ha aggiunto D’Aversa che poi rivela alcuni dubbi di formazione, iniziando da Pezzella, terzino sinistro arrivato in settimana proprio dall’Udinese. "Ho diversi dubbi su lui, così come su Grassi e Kucka: l’allenatore valuta ciò che vede in campo nel lavoro settimanale, dove si aumenta la qualità della squadra i dubbi dell’allenatore aumentano".

In generale "la squadra sta abbastanza bene, i giocatori che rientravano da infortuni come Kucka e Grassi hanno messo su una settimana di lavoro in più. Partiamo rammaricati per il fatto che non si è fatto risultato nell’ultima gara e consapevoli che si è fatto bene, ma bisogna portare a casa il risultato. Se analizziamo la prestazione e le occasioni create contro la Juve c'è stato equilibrio, c'è rammarico per aver perso su un calcio d’angolo, se per esempio Ronaldo avesse fratto gol di testa su Laurini la sconfitta si sarebbe accettata meglio; il rammarico ci deve essere non solo da parte mia ma di tutta la squadra".

La sconfitta con i campioni d’Italia è alle spalle, adesso c'è da pensare alla gara di domani contro una squadra di pari livello. "Siamo consapevoli della forza della Juve, ma se pensiamo di avere dei vantaggi contro l’Udinese possiamo andare in difficoltà, sappiamo che squadra andiamo ad affrontare: una squadra che può far male negli spazi; dobbiamo fare la nostra gara con il massimo equilibrio e compattezza conoscendo pregi e difetti dell’avversario. Non dobbiamo cambiare il nostro atteggiamento indipendentemente dal mercato, perchè questo lo hanno fatto tutti, dal Cagliari alla Fiorentina".

A proposito di mercato, tutto può ancora succedere. "Finché ci sarà questa regola del mercato aperto con il campionato avviato ci saranno le solite problematiche e sarà così per tutti; mi auguro che la regola in futuro possa essere cambiata, credo possa portare vantaggi per tutti. Pezzella ha già dimostrato di essere un grande professionista, così come tutti i ragazzi, vero che c'è la regola del mercato ma siamo professionisti e ci concentriamo su quel che c'è da fare sul campo". D’Aversa ci tiene a sottolineare che la sua non è una squadra solo da ripartenze. "Non mettiamoci etichette, cerchiamo di fare la prestazione e portare a casa il risultato", ha concluso il tecnico dei crociati.