Sei in Il Parma

oggi, ore 19:30

Il Parma ospita la Fiorentina per mettere in cassaforte la salvezza

05 luglio 2020, 16:21

Il Parma ospita la Fiorentina per mettere in cassaforte la salvezza

 

SANDRO PIOVANI  

«L'obbiettivo? fare un punto in più della passata stagione e magari con qualche giornata d'anticipo»: oggi il Parma ha la possibilità di trasformare in realtà i buoni propositi di inizio campionato. Quando, in coro, dirigenti e crociati andavano ripetendo appunto quel refrain. 
E se questa sera (stadio Tardini, ore 19,30) il Parma riuscirà a battere la Fiorentina ecco che il (primo?) cerchio si chiuderà. Missione comunque difficile. Per alcuni motivi da non sottovalutare. Innanzitutto le due sconfitte consecutive maturate con Inter e Verona al termine di due gare dove certamente i crociati meritavano (almeno) di non perdere. E quando si esce sconfitti immeritatamente dal campo il rischio è che vengano minate le certezze di una squadra. Certezze minate anche da alcuni errori che non appartenevano (prima della ripresa del campionato) al bagaglio tecnico del Parma: si pensi ai gol subiti calci piazzati o da palle aeree o ancora da errori di posizionamento con nel terzo gol (beccato addirittura in contropiede) di Verona. Il terzo aspetto, senza voler creare alibi ai crociati, è il complicato rapporto con la classe arbitrale, che conferma sempre più, ahinoi, come la qualità dei nostri fischietti sia in ribasso costante. E se è vera la teoria che a fine stagione ci sarà un equilibrio tra gli errori subiti e quelli a favore, di certo il momento entra nella colonna del saldo negativo. Generando ulteriori inevitabili  tensioni nella squadra.
Poi c'è la Fiorentina. Che certamente non sta attraversando un buon momento ed è affamata di punti. Perché la storia recente parla di una Viola salva soltanto all'ultima giornata, proprio dopo aver perso al Tardini e dopo aver così assistito alla festa salvezza del Parma. E stasera la storia potrebbe ripetersi. I crociati, infatti, vincendo sarebbero di fatto salvi. Attenzione però ad una Fiorentina probabilmente in difficoltà ma certamente dalle grandi potenzialità. Facile sottintendere a giocatori come Ribery o Chiesa, ma ci sono altre pedine di sicuro interesse tra i viola. Giocatori veloci, qualità che ha sempre infastidito la difesa del Parma. Senza dimenticare che la squadra di Iachini ama molto allargare il gioco, altro modo di giocare che il Parma ultimamente ha sofferto. 
Un Parma che arriva a questa sfida anche con il peso (fisico) di questa ripresa di stagione: inutile nascondersi, il Parma (ma crediamo anche la Fiorentina) non è certo abituato a giocare con queste frequenze. Va detto che D'Aversa sta provando a ruotare il più possibile i suoi effettivi. Anche se l'ossatura principale del Parma è sempre stata in campo: probabilmente anche in questo caso la scelta riguarda l'obbiettivo salvezza. E il tentativo di raggiungerlo il prima possibile, con in campo  i giocatori che danno maggiori garanzie e sicurezza al tecnico crociato. 
Il dubbio maggiore, questa sera, riguarda Cornelius: l'attaccante danese dopo la sfida con il Verona, dove peraltro era partito in panchina per entrare poi nella ripresa, ha praticamente sempre svolto un allenamento differenziato. Cornelius figura comunque tra i convocati, forse pronto ad entrare se ce ne fosse bisogno.  E se il danese dovesse partire dalla panchina, ecco che D'Aversa potrebbe anche variare la fase offensiva dei crociati spostando Kulusevski dietro a due punte veloci come Caprari e Gervinho, anche lui risparmiato per un tempo a Verona. Tra gli acciaccati figuravano anche Darmian e Laurini, i due esterni di destra difensivi. 
In ogni serve un ultimo sforzo per arrivare a quel traguardo fissato ad inizio stagione. E stasera servirà il miglior Parma, per attenzione e concentrazione. E voglia di lottare. Chiudere il capitolo salvezza il prima possibile diventa fondamentale per iniziare già a preparare la prossima stagione. Perché, non va dimenticato, questo anomalo e sofferto campionato terminerà il tre agosto. Dopo due settimane squadre in ritiro e a metà settembre via con la prossima stagione. Tappe molto ravvicinate, senza respiro. Meglio essere pronti. Stasera e in futuro.

   PROGRAMMA    
JUVENTUS-TORINO 4-1
SASSUOLO-LECCE  4-2
LAZIO-MILAN 0-3
INTER-BOLOGNA 1-2
SAMPDORIA-SPAL ore 19,30
CAGLIARI-ATALANTA ore 19,30
BRESCIA-VERONA ore 19,30
UDINESE-GENOA ore 19,30
 PARMA-FIORENTINA ore 19,30 
NAPOLI-ROMA ore 21,45
 

   CLASSIFICA SERIE A   
JUVENTUS 75
LAZIO 68
INTER 64
ATALANTA 60
ROMA 48
MILAN 46
NAPOLI 45
VERONA 42
BOLOGNA 41
SASSUOLO 40
 PARMA 39  
CAGLIARI 39
UDINESE 31
TORINO 31
FIORENTINA 31
SAMPDORIA 29
GENOA 26
LECCE 25
SPAL 19
BRESCIA 18