Sei in Il Parma

serie a

Parma-Fiorentina

05 luglio 2020, 16:25

Chiudi
PrevNext
1 di 11

Finisce dopo 7' di recupero Parma-Fiorentina. Vincono il viola 2-1. Gioco e occasioni, un tempo a parte. Primo toscano, secondo gialloblù. Ma decidere sono i rigori, (errori, distrazioni o regolamento). Var, per certi aspetti, protagonista, così come il nuovo regolamento. Var che non è stato consultato in un fallo su kurtic dubbio nel finale, con il Parma in avanti a cercare il pari. 

La partita in pillole

97' Finisce il match: la Fiorentina espugna il Tardini 3-1

96' Tre contro uno, Sepe blocca

90' Sepe tiene vivo il Parma: parata su Sottil

89' Kurtic davanti, Ceccherini dietro. Il crociato su cross splendido di Pezzella vola a terra. L'arbitro è sicuro: non è rigore

85' Dentro Sprocati, fuori Gervinho

85' Chiesa di poco a lato

82' esce Kulusevski, dentro Siligardi

75' dentro Pezzella e Grassi, fuori Gagliolo e Brugman

74' La Fiorentina cerca di approfittarne in contropiede: Castrovilla, alto

70' Cutrone ha la palla buona, lanciato nel cuore dell'area ha la palla buona e scarica: ma Sepe fa un mezzo miracolo

62' In campo è rientrato un altro Parm

57' Che punizione spettacolare di Bruno Alves: sfiora l'incrocio e fa, solo, gridare al gol

50' Tira Kucka, Terraciano si tuffa alla sua destra e intuisce, ma il tiro è potente: gol. Il primo realizzato dai crociati nel campionato

49' Calcio di rigore per il Parma (deciso dal var). Calcio di rigore che il Parma non ha da settembre

48' gomitata in faccia a Kucka, che cade in area. Si guarda il var

Riparte il secondo tempo, dentro Cornelius, fuoti Karamoh

Dopo 7' di recupero finisce il primo tempo. Il Parma ha giocato 15', i finali del secondo tempo, dopo aver subito il secondo gol. Doppio vantaggio della Fiuorentina su calcio di rigore. Entrambi realizzati nello stesso identico modo da Pulgar: palla a sinistra, Sepe a destra. Più Fiorentina, nel gioco, non nelle occasioni. Decisivi, dunque, i due falli: sembra netto il primo - fallo di Gagliolo che atterra Venuti (protagonista tra i viola) -, da nuovo regolamento il secondo: Darmian a braccia allargate tocca la palla da colpo di testa ravvicinato. Il var decide per il rigore. Parma 0, Fiorentina 2.

46' Spunto di Darmian, palla dentro, ma la difesa viola spazza

41' Momento di costruzione per il Parma. Riparte la Fiorentina, fallo di Kucka su Ribery, ammonito

39' ammoniti Brugman (fallo) e Kulusevski (getta via la palla)

30' Gol di Pulgar: palla a sinistra, Sepe a destra

29' La palla spiove in area, colpo di testa di un viola, palla toccata da Darmian (in volo mentre si gira) con il braccio. Var, rigore per la Fiorentina.

26' Numero di Karamoh sulla destra, palla a Kulusevski che cerca Gagliolo libero. Di testa, alto

25' Il Parma attende il gioco della Fiorentina. Ma è sotto 0-0

19' Rigore netto per fallo di Gagliolo che atterra Venuti. Pulgar non sbaglia: palla a sinistra, Sepe a destra

17' replica la Fiorentina, lancio per Cutrone ma la palla è lunga. Sepe blocca

16' bello spunto di Gagliolo sulla sinistra. Ma la difesa viola controlla

15' ritmo lento, ma più Fiorentina che Parma 

11' Venuti spara dal vertice dell'area un colpo preciso: traversa

10' azione prolungata della fiorentina ai limiti dell'area crociata, ma il Parma controlla e riparte

7' Gioco ma nessun brivido

2' Kulusevski subito in mostra con uno dei suoi spunti di classe

 

Parma-Fiorentina, in campo alle 19:30, ecco le formazioni ufficiali. Riposo per Cornelius, dentro Karamoh.

   PARMA    (4-3-3): Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo; Kucka, Brugman, Kurtic; Karamoh, Gervinho, Kulusevski. 


A disposizione: Colombi, Dermaku, Regini, Grassi, Cornelius, Laurini, Barillà, Caprari, Scozzarella, Siligardi, Sprocati, Pezzella.
Allenatore: D'Aversa. 

   FIORENTINA    (3-5-2): Terracciano; Milenkovic, Pezzella, Igor; Venuti, Benassi, Pulgar, Duncan, Dalbert; Ribery, Cutrone. 


A disposizione: Brancolini, Dragowski, Caceres, Ceccherini, Terzic, Lirola, Agudelo, Badelj, Castrovilli, Ghezzal, Chiesa, Kouame, Sottil.
Allenatore: Iachini. 

 

L'Inter sconfitto dal Bologna, a -11 dalla Juve

Tonfo Inter al Meazza, e dopo la sconfitta per 2-1 col Bologna la squadra di Conte scivola a -11 dalla Juventus capolista. In vantaggio nel primo tempo con Lukaku (22'), i nerazzurri sprecano un rigore con Lautaro nella ripresa quando il Bologna è già in 10 per l’espulsione di Soriano e poi subiscono il pari di Juwara al 29' del secondo tempo. Poi il rosso a Bastoni ristabilisce la parità numerica, e Barrow al 35' segna il 2-1. L’Inter resta terza a 64 punti, contro i 75 della Juve.

Le altre partite

L’Atalanta si porta a -1 dall’Inter, in coda risultati importanti per diverse squadre. In sintesi questi i verdetti delle cinque gare delle 19.30 valide per la 30esima giornata di Serie A. Dopo la sconfitta casalinga dei ragazzi di Conte nel match contro il Bologna, la squadra di Gasperini espugna Cagliari portandosi a una sola lunghezza dal terzo posto. I bergamaschi soffrono all’inizio, Simeone segna ma la Var, al 12°, gli nega la gioia del gol (molto belle peraltro) per un precedente fallo di mani. Al 26° Carboni viene espulso per fallo su chiara occasione da gol ai danni di Malinovskyi e, dal dischetto, Muriel sblocca il risultato con la rete che si rivelerà quella della vittoria. Vince in trasferta anche la Fiorentina che riscatta gli ultimi ko, vincendo al Tardini di Parma. Una partita decisa dagli 11 metri. Nel primo tempo due a favore dei viola e realizzati dallo specialista Pulgar, nella ripresa quello di Kucka per il gol dei crociati e il definitivo 1-2. Vittoria importante in chiave salvezza così come quella che porta a casa la Sampdoria che, al Ferraris, travolge la Spal ora ultima in classifica. 
La doppietta di Linetty e la rete di Gabbiadini permettono ai blucerchiati di portarsi a quota 32 punti, mentre restano a 19 i ferraresi, scavalcati dal Brescia. Le rondinelle, infatti, tornano al successo battendo in casa il Verona per 2-0, grazie alle reti del giovane Papetti e di Donnarumma. Due gol che valgono 3 punti di speranza e quota 21 punti, mentre per il Verona è una brutta battuta d’arresto in chiave Europa. Nello scontro diretto della Dacia Rena, infine, finisce 2-2 Udinese-Genoa. Fofana e Lasagna mettono in discesa la partita, i liguri non mollano e riducono le distanze con Pandev. Al 96° il Grifone trova il 2-2 con Pinamonti che ribadisce in rete il rigore che gli era stato respinto da Musso. Per i rossoblù una rimonta vitale anche se restano quartultimi con due punti di vantaggio sul Lecce terzultimo. 

   PROGRAMMA    
JUVENTUS-TORINO 4-1
SASSUOLO-LECCE  4-2
LAZIO-MILAN 0-3
INTER-BOLOGNA 1-2
SAMPDORIA-SPAL 3-0
CAGLIARI-ATALANTA 0-1
BRESCIA-VERONA 2-0
UDINESE-GENOA 2-2
 PARMA-FIORENTINA 1-2 
NAPOLI-ROMA 2-1
 

   CLASSIFICA SERIE A   
JUVENTUS 75
LAZIO 68
INTER 64
ATALANTA 63
ROMA 48
NAPOLI 48
MILAN 46
VERONA 42
BOLOGNA 41
SASSUOLO 40
 PARMA 39  
CAGLIARI 39
FIORENTINA 34
UDINESE 32
SAMPDORIA 32
TORINO 31
GENOA 27
LECCE 25
BRESCIA 21
SPAL 19

   LE PROSSIME PARTITE   
MARTEDÌ 07
LECCE-LAZIO ore 19:30
MILAN-JUVENTUS ore 21:45

MERCOLEDÌ 08 
FIORENTINA-CAGLIARI ore 19:30
GENOA-NAPOLI ore 19:30
ATALANTA-SAMPDORIA ore 21:45
BOLOGNA-SASSUOLO ore 21:45
 ROMA-PARMA ore 21:45 
TORINO-BRESCIA ore 21:45

GIOVEDÌ 09 
SPAL-UDINESE ore 19:30
VERONA-INTER ore 21:45