Sei in Il Parma

COPPA ITALIA

Parma, rialza la testa con la prima sfida: battere il Cosenza

Quarto turno oggi al Tardini: crociati contro i calabresi. Spazio a chi ha giocato meno

di Paolo Grossi -

25 novembre 2020, 11:31

Parma, rialza la testa con la prima sfida: battere il Cosenza

Parte da una sfida priva di glamour come quella di oggi pomeriggio al Tardini contro il Cosenza il percorso, in salita, del Parma verso una ritrovata consapevolezza e autostima. In palio c'è la qualificazione agli ottavi di Coppa Italia: ad attendere la vincente di oggi, a metà gennaio, c'è la Lazio. 
I crociati come dicevamo attraversano un periodo un po' così, figlio di loro mancanze ma anche di una serie particolare di contingenze. Fatto sta che hanno centrato una sola vittoria nelle prime otto giornate, mettendo assieme solo sei punti e occupano un pericoloso quart'ultimo posto.  
In realtà questa situazione non dovrebbe far gridare al dramma perché a differenza di quella per lo scudetto, che non consente troppe soste, la strada per la salvezza è lunga e c'è ancora tempo per trovare amalgama e motivazioni ed eventualmente c'è ancora  un mercato per risolvere qualche magagna. A preoccupare più che non la classifica dev'essere l'atteggiamento del gruppo in queste settimane. È quella la corda da toccare e forse servirebbe anche una proprietà più presente, come accadeva fino a qualche mese fa con i soci di Nuovo Inizio. Krause, che segue anche altri affari di là dall'Oceano, dovrà individuare una figura che lo rappresenti e che non può essere il giovane figlio Oliver, membro dello staff nell'analisi dei dati. 
MEMORIA CORTA 
Detto questo la memoria corta è un difetto non da poco. Quando si strepita contro la moscia gara di Roma ci si dimentica che di partite così negli ultimi anni ne abbiamo viste a manciate e non solo all'Olimpico, dove sono ormai croniche.  Che dire delle due sfide in casa della Spal? O, andando indietro, di come, lanciati verso la A e con squadre superiori all'avversaria, non inferiori come domenica scorsa, si è perso a Cesena, Chiavari, Vercelli? Eppure a fine stagione abbiamo sempre incensato orgoglio e senso di appartenenza del gruppo. Tanto vale ammettere allora che i black out ci sono sempre stati, tener conto della peculiarità di questa insolita stagione e portare un briciolo di pazienza.   
Oggi giocheranno diverse seconde linee ma visto che accadrà anche nel Cosenza, il gap tra la 17esima in serie A e la 12esima in B resta inalterato esperiamo sia determinante. Tra i calabresi se sarà in campo seguiremo con attenzione la prova del portiere Falcone, di proprietà della Sampdoria e sin qui tra i più efficaci in serie B. Il Parma ha ovviamente i mezzi per vincere senza soffrire come con il Pescara. In più avrà particolare motivazioni e voglia di riscatto. Certo, è in campionato che la squadra dovrà rialzare la testa ma visto che sin qui si è complessivamente vinto poco sarà meglio fare la bocca sui tre punti, magari evitando i supplementari previsti in caso di parità.