Sei in Il Parma

La Lazio batte la Samp. Pari tra Genoa e Verona e tra Sassuolo e Bologna

20 febbraio 2021, 17:02

La Lazio batte la Samp. Pari tra Genoa e Verona e tra Sassuolo e Bologna

Sassuolo-Bologna 1-1

Basta il sacrificio e una solidità difensiva ritrovata al Bologna per strappare in dieci uomini un pareggio per 1-1 al Sassuolo. Al Mapei Stadium la squadra ospite passa in vantaggio con Soriano ma è costretta a barricarsi dopo l'espulsione di Hickey. E in inferiorità numerica per un’ora di gioco, Palacio e compagni concedono solo una rete a Caputo. Primo tempo a due facce per De Zerbi e Mihajlovic che al Mapei Stadium schierano un 4-2-3-1 a specchio e non rinunciano ad un gioco propositivo con costruzione dal basso. Questa però costa cara alla formazione neroverde al 17': Magnanelli sbaglia il retropassaggio per Marlon, Barrow ne approfitta e scarica per Soriano che da posizione favorevole firma l’1-0 e il settimo gol della sua fortunata stagione. Meno fortunato è invece il campionato del giovane Hickey che al 30' si fa espellere per una brutta entrata su Muldur. 

Genoa-Verona 2-2

Il Genoa non si ferma più: in dieci e all’ultimo respiro ottiene un insperato pareggio contro il Verona e raccoglie il settimo risultato utile consecutivo: al 94° Badelj fissa il risultato sul 2-2 e il 'Ferraris' rossoblù resta tabù per gli scaligeri, a secco di vittorie dal 1989 nonostante aver comandato nel punteggio per due volte. L’Hellas sfrutta il pressing alto al 17' quando Barak intercetta un appoggio di Czyborra, mette a sedere Criscito e serve Ilic, che apre il piatto e batte un incolpevole Perin. Il Genoa sbanda pericolosamente e, qualche secondo dopo, rischia di incassare il raddoppio. A graziare il Grifone, però, ci pensa Lasagna: il centravanti gialloblù brucia in velocità Radovanovic ma manda clamorosamente sul fondo a tu per tu con Perin. Scampato il pericolo, gli uomini di Ballardini escono dal guscio e chiudono il primo tempo in crescendo sfiorando in due occasioni il pareggio con Zajc: prima una punizione ben calciata che termina alta di poco, poi una conclusione di un soffio a lato prima del duplice fischio del direttore di gara Marchetti, all’esordio in Serie A.  Decisivi, sia in modo positivo che negativo, i cambi operati in avvio di ripresa dai due tecnici. Ballardini si affida a Shomurodov al posto di Zajc, Juric cambia in difesa Lovato con Cetin, ma al 48' il difensore di proprietà della Roma pasticcia col retropassaggio: l’uzbeko ne approfitta, apre il piattone e fredda Silvestri per l’1-1. Gli ospiti, tuttavia, non mollano. Mentre Lasagna continua a litigare col gol colpendo un palo al 53', il nuovo vantaggio scaligero arriva con capitan Faraoni: al 61' il laterale del Verona raccoglie una respinta di Perin e infila sotto la traversa per il nuovo sorpasso. Il Genoa prova a riprenderla con Scamacca e Pandev ma, complice l’infortunio di Pellegrini e i cinque cambi già effettuati, è costretto a giocare l’ultimo quarto d’ora di gara con un uomo in meno. Nonostante ciò, al 94' Badelj pesca il jolly e sugli sviluppi di un corner insacca dal limite per il 2-2 finale.

Lazio-Sampdoria 1-0 

Basta la rete di Luis Alberto alla Lazio per avere la meglio sulla Sampdoria, riprendere il filo della vittoria perso contro l’Inter e salire a quota 43 punti, in piena zona Champions in attesa delle altre rivali. Per la squadra di Ranieri, invece, una sconfitta che interrompe la mini serie di due risultati utili consecutivi. Venti minuti di studio tra Lazio e Sampdoria, poi si sveglia Luis Alberto che prima impegna Audero, chiamandolo alla parata, poi lo trafigge portando avanti i biancocelesti al 24' minuto: l’assist di Milinkovic-Savic è perfetto, per lo spagnolo è un gioco da ragazzi stoppare a centro area e calciare sotto la traversa trovando l’1-0. La rete segnata ha il potere di caricare gli uomini di Inzaghi che nel giro di 10 minuti legittimano il vantaggio sfiorando il gol con Immobile, sul quale Audero si supera impedendogli di festeggiare il compleanno con la rete, poi con Marusic e infine con la punizione di Milinkovic-Savic che, deviata dalla barriera, esce di poco sopra la traversa della porta doriana. La Sampdoria, dal canto suo, non crea mai pericoli a Reina pur chiudendo la prima frazione in avanti.
Nella ripresa Ranieri cambia modulo con Bereszynski in campo al posto di Yoshida - e il passaggio alla difesa a quattro - e Jankto per Ramirez. La mossa del tecnico testaccino porta i frutti sperati con la Sampdoria a sfruttare meglio le fasce laterali: proprio da quella sinistra, infatti, arriva la prima occasione con Augello che salta Marusic e mette dentro, dove Quagliarella non riesce però a centrare la porta di Reina. La grande occasione, però, capita sui piedi di Muriqi, entrato al posto di Luis Alberto, che non riesce a girare verso la porta il pallone messo dentro da Marusic che chiedeva solo di essere spinto alle spalle di Audero per poter gonfiare la rete. Gli ultimi minuti sono di sofferenza per la Lazio, ma alla fine i 3 punti se li aggiudica la squadra di Inzaghi che, adesso, può pensare alla sfida al Bayern Monaco. 

Risultati

Fiorentina - Spezia 3-0 (ieri)

Cagliari - Torino 0-1 (ieri)

Lazio - Sampdoria 1-0

Genoa - Verona 2-2

Sassuolo - Bologna  1-1

Parma - Udinese (21/02, ore 12.30)

Milan - Inter (21/02, ore 15)

Atalanta - Napoli (21/02, ore 18)

Benevento - Roma (21/02, ore 20.45)

Juventus - Crotone (22/02, ore 20.45)

Classifica

          Pt Pg Pv Pn Pp Gf Gs 
Inter 50 22 15 5 2 54 24 
Milan 49 22 15 4 3 45 25 
Roma 43 22 13 4 5 47 35 
Lazio 43 23 13 4 6 38 30 
Juventus 42 21 12 6 3 41 19 
Napoli 40 21 13 1 7 45 21 
Atalanta 40 22 11 7 4 49 29 
Sassuolo 35 23 9 8 6 37 34 
Verona 34 23 9 7 7 30 26 
Sampdoria 30 23 9 3 11 33 34 
Genoa 26 23 6 8 9 26 33 
Bologna 25 23 6 7 10 30 37 
Fiorentina 25 23 6 7 10 25 35 
Udinese 24 22 6 6 10 23 31 
Benevento 24 22 6 6 10 25 42 
Spezia 24 23 6 6 11 30 41 
Torino 20 23 3 11 9 33 41 
Cagliari 15 23 3 6 14 24 41 
Parma 13 22 2 7 13 15 43 
Crotone 12 22 3 3 16 23 52 

© RIPRODUZIONE RISERVATA