×
×
☰ MENU

Bonaccini: "A luglio rischio che Pfizer rallenti con le forniture"

Bonaccini: "A luglio rischio che Pfizer rallenti con le forniture"

23 Giugno 2021,09:27

 Il rischio, con l’estate e le vacanze alle porte, di un abbassamento della guardia delle persone davanti al coronavirus «c'è, anche in buona fede» ma «ora abbiamo il rischio che Pfizer a luglio rallenti rispetto alle forniture attese e stiamo discutendo con il governo in queste ore e giorni» di questo. Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, ospite di Mattino5.


«La quantificazione del taglio" nelle forniture di vaccini Pfizer per luglio «è ancora oggetto di approfondimento» da parte della struttura commissariale e le Regioni «attendono riscontri puntuali». Al momento «si aggira sicuramente su una percentuale superiore al 40% e non è escluso anche attorno al 50%». Così Raffaele Donini, coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e assessore regionale in Emilia-Romagna, a margine di una conferenza. «Sono ore di lavoro - sottolinea Donini - ma presto uscirà una comunicazione ufficiale» da parte della struttura commissariale.

 «In Gran Bretagna vediamo» che la variante Delta del coronavirus «un pò di spavento lo crea», «può fare paura, ma se si è vaccinati fa molta, molta meno paura. E il fatto che in Emilia-Romagna riusciamo a sequenziare tutti, ci aiuta a intervenire più rapidamente possibile». Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, ospite di Mattino5. 
«Bisogna fare appelli alla popolazione: gli oltre 120mila morti in Italia e 13mila morti in Emilia-Romagna non sono arrivati per i vaccini ma sono arrivati purtroppo a causa di questo virus», aggiunge. «Le cose vanno meglio», ma «bisogna dar l'ultima zampata al virus».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI