×
×
☰ MENU

Per la prima volta il Veneto non vede crescere i numeri: zero morti, zero positivi

Per la prima volta il Veneto non vede crescere i numeri: zero morti, zero positivi

07 Giugno 2020,03:12

E’ operativa la registrazione digitale nella piattaforma della Regione Sardegna cui sono tenuti dal 3 giugno i passeggeri in arrivo nell’Isola. Da ieri alle 15 è possibile concludere direttamente online tutta la procedura sia da pc che da smartphone. La registrazione con le indicazioni di provenienza e destinazione può essere effettuata anche un mese prima della partenza, mentre è richiesto che la compilazione dei quesiti sullo stato di salute sia fatta massimo due giorni prima dell’imbarco.

 Le esitazioni e il ritardo nell’imporre il lockdown nel Regno Unito sono costati molte vite umane, secondo il professor John Edmunds, uno dei consulenti scientifici del governo di Boris Johnson.  Mentre il premier si accinge ad annunciare un nuovo allentamento delle regole per il 15 giugno, il ministro della Salute, Matt Hancock, afferma che il governo di Londra ha preso «la decisione giusta al momento giusto», dichiarando il lockdown il 23 marzo. Ma Edmunds dissente: citato dalla Bbc, dichiara che sarebbe stato auspicabile che le misure di contenimento fossero scattate prima e che il ritardo «è costato vite umane». Lo scienziato ammette tuttavia che quando l’epidemia di coronavirus era agli inizi in Gran Bretagna, i dati disponibili erano «veramente piuttosto scarsi": fatto che rese la decisione di allora «piuttosto difficile». Edmunds è infatti fra i più restii ad «abbassare la guardia» con il rischio di un ritorno di fiamma del contagio. (

Zero positivi e zero morti: oggi per la prima volta il Veneto non vede crescere i numeri legati al Coronavirus. I positivi restano fermi a 19.183 (1.085 quelli attualmente positivi al Covid) e i decessi a 1.954 tra morti ospedalieri e non. Una tendenza già anticipata dai dati di ieri sera che vedevano una crescita di 1 positivo e solo 3 decessi.

Sono 23 i ragazzi multati nel corso del week-end a Scandiano, in provincia di Reggio Emilia, per non aver rispettato le norme anticontagio nella movida. I carabinieri, insieme alla polizia municipale dell’Unione Tresinaro e Secchia, hanno fatto una serie di controlli, sanzionando giovani tra i 18 e i 20 anni, con verbali da 280 euro a testa. L’intervento dei carabinieri di Scandiano è stato richiesto da alcuni cittadini preoccupati per gli assembramenti in un bar.

"Quest’emergenza finirà solo quando ci sarà un vaccino in dose sufficienti. L’emergenza non va dimenticata in ogni caso. Noi abbiamo dimostrato, mai come in questi mesi, di essere stati straordinari. Ora ci è chiesta la stessa responsabilità del passato. Come in guerra e come nei momenti di svolta, si fanno polemiche politiche. Sono importanti le vite che si sono salvate, mentre le critiche sono distanti dalla realtà". Lo ha affermato Domenico Arcuri, Commissario straordinario all’emergenza, nel corso della trasmissione "Mezz'ora in più" su Rai Tre.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI