×
×
☰ MENU

BOLOGNA

Caso Carabellò: appello familiari, testimoni dicano verità

'Biagio ha fatto una brutta fine e non si è suicidato'

Caso Carabellò: appello familiari, testimoni dicano verità

13 Gennaio 2022,11:18

(ANSA) - BOLOGNA, 13 GEN - La famiglia di Biagio Carabellò, operaio scomparso nel 2015 a Bologna i cui resti sono stati trovati il 23 marzo 2021 in un'area verde della periferia, rivolge un nuovo appello a chi potrebbe raccontare elementi utili per fare luce sul caso. Sul caso la Procura di Bologna ha aperta un'inchiesta per omicidio con due indagati, a piede libero e a breve saranno depositati gli esiti della consulenza medico-legale sulle spoglie, disposta con l'obiettivo di ricostruire le cause della morte. Attraverso l'avvocato Barbara Iannuccelli, che li assiste, i familiari ricordano che nel corso delle indagini una persona scrisse un post sui social, dove diceva: 'Ciao amico mio, avrei voluto fare di più'. "Questa persona - dice Iannuccelli - sentita dai carabinieri, ha detto di aver visto caricare a forza Biagio su un'auto. Poi però ha detto anche che pensa sia stato un sogno. Allo stesso modo un coinquilino di Biagio riferì alla sua compagna che, sempre in un sogno, aveva visto mettere in testa a Biagio un sacchetto. Vorremmo chiedere a queste persone di smettere di sognare e di venire a raccontare la verità. Biagio ha fatto una brutta fine e non perché si è suicidato". (ANSA).

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI