×
×
☰ MENU

guerra

Mosca: "La centrale di Zaporizhzhia è nelle nostre mani". Kiev: "Personale torturato". Corridoi umanitari aperti tutto il giorno - In aggiornamento

Mosca: "La centrale di Zaporizhzhia è nelle nostre mani". Kiev: "Personale torturato"

09 Marzo 2022,03:48

Aggiornamento ore 10

 La tensione per la crisi ucraina resta alta anche se sul fronte della diplomazia si registra qualche progresso: oltre all’incontro previsto per oggi ad Antalya, in Turchia, tra i ministri degli Esteri russo Lavrov e ucraino Kaleba, Kiev conferma che è stato raggiunto un accordo con Mosca per tenere aperti alcuni «corridoi» di evacuazione dei civili per l’intera giornata.

Ma la novità di questa mattina è la presa di posizione della Cina che attribuisce la responsabilità del conflitto agli Usa e alla Nato e critica la decisione degli Stati Uniti di chiudere all’import di petrolio e gas russi. La questione Ucraina è molto chiara, dice il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian, sulle recenti ricostruzioni del New York Times relative alla conoscenza di Pechino dei piani russi contro l’Ucraina, in base a quanto appreso da funzionari Usa: «Sono state le azioni della Nato guidata dagli Stati Uniti che hanno gradualmente spinto fino al conflitto Russia-Ucraina».

«Ignorando le proprie responsabilità, gli Usa - aggiunge - accusano invece la Cina di prendere posizione sulla vicenda e cercano margini di manovra nel tentativo di sopprimere Cina e Russia, per mantenere la propria egemonia». Quindi prosegue: Pechino «si oppone con forza alle sanzioni unilaterali che non hanno fondamento nel diritto internazionale». «Provocherà solo serie difficoltà all’economia e alle persone e aggraverà divisioni e confronto». «Cina e Russia - ricorda Lijian - hanno sempre mantenuto buone relazioni di cooperazione energetica e continueranno a farlo anche su giacimenti di petrolio e gas, nel rispetto reciproco».
E sul fronte dei combattimenti lo scambio di accuse continua. La Repubblica popolare di Donetsk (DPR) dichiara di aver subito quasi 30 attacchi nelle ultime 24 ore, con un bilancio di 7 feriti, mentre almeno 10 persone sarebbero morte nel Donbass a Severodonestk. E da parte ucraina si denunciano nuove vittime e aggressioni. Sarebbe salito a 3 il numero dei bambini rimasti uccisi nell’attacco tra lunedì e martedì a Sumy, con un bilancio complessivo di 22 morti, spiega il governatore della regione, Dmytro Zhyvytskyy, su Telegram. Sirene antiaeree si sarebbero sentite a Kharkiv e Vinnytsia, come riporta il 'Kyiv Independent'. E circa 5.000 civili sono stati evacuati grazie al corridoio umanitario aperto a Sumy.
Intenso lo scontro anche sul piano economico. Oltre alla critica di Pechino delle sanzioni anti-russe, ripercussioni si registrano un pò ovunque. Secondo la Banca Mondiale risultano penalizzati molti Paesi, come la Tunisia, ancora dipendenti dall’import di grano e mais e a pagarne le spese saranno i cittadini «più poveri e fragili». Il rublo cede il 7,8% contro il dollaro alla riapertura del mercato dei cambi di Mosca, chiuso da venerdì scorso, mentre una banca come la Bnp Paribas dichiara che la sua esposizione nei confronti di Russia e Ucraina ammonta a circa 3 miliardi di euro, di cui 1,3 miliardi in Russia e 1,7 in Ucraina.

Heineken interrompe produzione, pubblicità e vendita di birra in Russia, così come L’Oreal che annuncia la chiusura di tutti i negozi e i siti e-commerce nel Paese. E questo, mentre la Russia, rende noto il direttore del dipartimento per la Cooperazione economica del ministero degli Esteri di Mosca, Dmitry Birichevsky, lavora ad una risposta «rapida» e «ponderata» alle sanzioni imposte dall’Occidente, che sarà avvertita nelle aree più «sensibili per coloro a cui si rivolge». E mentre in vista del Consiglio europeo informale, previsto domani e dopodomani a Parigi, il premier Draghi ha una conversazione telefonica con il presidente francese Macron sugli ultimi sviluppi della crisi ucraina e le sue conseguenze sull'economia europea, gravi ripercussioni si hanno anche in Italia, come denuncia il leader di Confindustria Bonomi. La Zanardi Fonderie è costretta a sospendere la produzione a causa dei rincari dell’energia e per la carenza di materie prime. 

Aggiornamento ore 8

Accordo tra Russia e Ucraina su una serie di «corridoi» di evacuazione dei civili per l’intera giornata di oggi. Lo fa sapere un responsabile ucraino.

E proprio nel giorno in cui riprenderanno i corridoi umanitari, stanotte nuove sirene antiaereo hanno gettato di nuovo nel panico i residenti di Kiev. La tensione resta altissima in Ucraina, con il presidente Volodymyr Zelensky che ieri ha anche annunciato di essere disponibile a trattare sui territori contesi, ma non alla resa.
A tenere banco, tuttavia, è anche il caso dei Mig-29 che la Polonia vorrebbe offrire agli Stati Uniti per poi girarli all’Ucraina. Un’iniziativa che, ha fatto sapere in nottata il Pentagono, non è «attuabile». La prospettiva di jet che partono da una base statunitense in Germania «per volare nello spazio aereo conteso tra Russia e Ucraina solleva serie preoccupazioni per l’intera alleanza Nato», ha spiegato il portavoce John Kirby. «Continueremo a consultarci con la Polonia e gli altri nostri alleati su questa questione e le difficoltà logistiche che pone, ma - ha concluso - non crediamo che la proposta polacca sia sostenibile».
Procede, intanto, l’avanzata dell’esercito russo in terra ucraina.

La Guardia nazionale ha annunciato di aver preso il totale controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia, già conquistata alcuni giorni fa. Secondo quanto riferito da fonti russe, le 240 persone responsabili della sicurezza dell’impianto avrebbero deposto le armi. Notizie che troverebbero conferma anche nelle parole del ministro dell’Energia ucraino, Herman Halushchenko, che ha denunciato episodi di tortura nei confronti del personale da parte delle forze armate russe. «Secondo le informazioni in nostro possesso - ha scritto su Facebook -, gli occupanti hanno costretto la dirigenza a registrare un messaggio per utilizzarlo a fini propagandistici. Il personale è fisicamente e psicologicamente esausto».
Sul piano diplomatico sembra invece in salita il tentativo da parte degli Stati Uniti di coinvolgere i leader di fatto di Arabia Saudita ed Emirati Arabi per costruire una coalizione internazionale per sostenere Kiev e frenare i prezzi del petrolio. Secondo il Wall Street Journal, infatti, il principe saudita Mohammed bin Salman e lo sceicco degli Emirati Mohammed bin Zayed al Nahyan hanno rifiutato di parlare con Biden nelle ultime settimane, delusi dal debole supporto Usa nella guerra in Yemen e preoccupati dall’accordo sul nucleare iraniano.
E intanto anche Condè Nast, editrice di numerose riviste di spicco come Vogue, GQ, Architectural Digest e Glamour, ha deciso di sospendere le sue pubblicazioni in Russia dicendosi «scioccata e orripilata dalla tragedia della crisi umanitaria». Il comunicato cita le nuove leggi sulla censura del governo russo, che «rendono impossibile continuare in questo modo». 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI