Italiamondo

Onorare i morti e ritornare alla vita: riaperto il Bataclan. Con Sting

13 novembre 2016, 00:13

Chiudi
PrevNext
1 di 21

"Stasera abbiamo due compiti: onorare i morti e ricominciare la vita. Non li dimenticheremo": Lo ha detto Sting uscendo sul palco del Bataclan a Parigi. Esprimendosi in francese il cantante britannico ha poi chiesto al pubblico di osservare un minuto di silenzio. La prima canzone "Fragile", scritta da Sting nel 1987, poi "Message in a Bottle".

Perchè alla fine la musica vince su tutto": Sting è entrato in scena nella grande arena del Bataclan, il music hall parigino colpito dai terroristi dell’Isis nella notte del 13 novembre. Dopo un anno di silenzio e cordoglio in quello che fu teatro di una delle più sanguinose stragi nella recente storia d’Europa la forza inarrestabile del rock è venuta a scacciare lo spettro dei kalashnikov. Un grande rito collettivo a cui partecipano 1.500 spettatori tra cui superstiti e famiglie delle vittime. Sui 130 innocenti barbaramente uccisi tra i locali del centro di Parigi e lo Stadio di Saint-Denis qui ne vennero trucidati novanta. I biglietti messi in vendita la settimana scorsa sono andati esauriti in meno di quaranta minuti. Ingenti le misure di sicurezza, con 14 nuove telecamere di videosorveglianza, un sistema di chiusura automatica delle porte in caso di emergenza e un esercito di addetti alla protezione del sito tra guardie private, gendarmi e Police Nationale. Da questa mattina il quartiere invaso dalle telecamere di tutto il mondo era stato transennato e presidiato dalle unità cinofile. Auto e ciclomotori parcheggiati nelle vicinanze sono stati rimossi per il rischio di eventuali bombe. Sting è arrivato a Parigi a fine mattinata a bordo di un jet privato in provenienza da New York. E' stato accolto in aeroporto dai producer del Bataclan che per questa sera volevano «un massimo di rumore» per riportare la vita nello storico locale parigino colpito dall’odio jihadista. A fine pomeriggio le prove poi, alle 21:00, lo show il cui ricavato andrà interamente devoluto alle associazioni delle vittime: Life for Paris e 13 novembre: Fraternitè et Veritè. Sting, il cui ultimo album 57th & 9th è uscito ieri, aveva "manifestato un reale desiderio, quasi un bisogno» di partecipare alla riapertura, ha raccontato Jules Frutos, direttore del teatro, rendendo omaggio all’impegno della star britannica che questa sera si è esibito davanti a 1.497 spettatori. Tra questi anche la ministra della Cultura, Audrey Azoulay. In quasi dieci mesi di lavori il Bataclan è stato rimesso completamente a nuovo anche se la struttura rimane identica, con la fossa e le balconate in cui vennero fatti ostaggio e poi uccisi tanti spettatori. Per non conservare nulla di quella notte - dice Fruitos - è cambiato tutto, «dal soffitto al pavimento, dalla pittura alle mattonelle». L’ingresso è effettivamente più allegro e luminoso, con la nuova scritta rosso fuoco "Bataclan" le cui immagini hanno fatto il giro del mondo. Anche se all’esterno del locale rimane sempre lo stesso tendone giallo-nero della notte degli attacchi. Le porte chiuderanno nuovamente domani per la giornata di commemorazioni a un anno esatto dall’eccidio. Il presidente, Francois Hollande, e il sindaco, Anne Hidalgo, sveleranno una targa in sei luoghi colpiti dal commando dell’Isis, tra cui lo stesso Bataclan. Alla cerimonia sono attese, tra l’altro, alcune delle vittime e gli Eagles Of Death Metal, la band californiana che si esibiva sul palco al momento del massacro e che Fruitos non intende più far suonare all’interno del Bataclan dopo le polemiche sulla sicurezza e le sparate del frontman, Jesse Hugues, su armi e Islam. Nel music hall si tornerà a suonare mercoledì con Pete Doherty. Seguiranno nei giorni successivi artisti come Youssou Ndour e Marianne Faithfull. Prove generali nella speranza di un progressivo ritorno alla normalità. Ma dimenticare sarà impossibile.