Sei in Italiamondo

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

E nella notte due turisti si arrampicano sul cancello e cadono

16 gennaio 2017, 19:42

Chiudi
PrevNext
1 di 9

Due scritte con vernice nera sono state trovate oggi su un pilastro del Colosseo, dal lato dell’ingresso della metropolitana. Sulla semicolonna è stato scritto «Balto» e «Morte». Sulla vicenda sono in corso indagini del commissariato di polizia Celio. Gli investigatori stanno vagliando le telecamere di videosorveglianza per risalire al responsabile dell’atto vandalico. La scorsa notte, sempre all’ anfiteatro Flavio, due turisti brasiliani hanno scavalcato una cancellata e uno è rimasto ferito gravemente dopo un volo di circa 4 metri. Secondo quanto si è appreso, i due episodi al momento non sembrerebbero essere collegati. Sarebbero riusciti ad entrare all’interno del Colosseo nel cuore della notte i due turisti brasiliani denunciati per invasione di edificio. Solo in un secondo momento sarebbero scivolati da un’altezza di circa quattro metri e uno si è fratturato il bacino. E’ quanto emergerebbe da una prima ricostruzione di quanto accaduto la scorsa notte all’Anfiteatro Flavio. L’allarme è scattato intorno alle 2.30. Sul posto polizia, 118 e vigili del fuoco che hanno raggiunto il giovane e lo hanno stabilizzato. «E' stata una bravata, eravamo ubriachi» si sarebbero giustificati i due turisti arrivati da poco nella città eterna. Sulla vicenda sono in corso indagini del commissariato Celio. Al vaglio le riprese delle telecamere di sorveglianza.  Un nuovo sistema di allarme iper-tecnologico per contrastare le intrusioni e le azioni dei vandali contro il Colosseo. Questo, secondo quanto si apprende, il progetto al quale sta lavorando la Soprintendenza per i Beni archeologici di Roma in seguito ai due episodi che hanno interessato oggi l’Anfiteatro Flavio. Durante la notte due turisti brasiliani hanno scavalcato la recinzione, mentre nel pomeriggio due scritte sono comparse su un pilastro del monumento. Il nuovo sistema dovrebbe essere tarato per non scattare al passaggio di animali, come gatti o gabbiani, che ogni giorno si aggirano nell’Anfiteatro Flavio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA