Sei in Italiamondo

Maltempo e danni: a Cagliari crolla un ponte, domani scuole e uffici chiusi in Liguria - Il meteo

10 ottobre 2018, 20:02

Chiudi
PrevNext
1 di 8

Ondata di maltempo con piogge, temporali e allagamenti: la Sardegna la più colpita. Domani scuole chiuse a Cagliari ma anche in Liguria. Ordinanza di chiusura anche per cimiteri, parchi, impianti sportivi e mercati. L'ondata di maltempo ha già colpito soprattutto in Spagna, dove nove persone sono morte e sette risultano disperse a Maiorca. Tra le vittime c'è una coppia di turisti britannici, annegata in un taxi a Sant Llorenc des Cardassar, cittadina sommersa da un'ondata di fango.

Sardegna

Chiusi da oggi pomeriggio e per tutta la giornata di domani gli uffici della Regione Sardegna dislocati a Cagliari dopo l’ordinanza firmata dal sindaco del capoluogo Massimo Zedda per le strutture comunali e le scuole. «Per gli uffici regionali situati nelle diverse sedi periferiche, i direttori generali - fa sapere la Regione - dovranno verificare l’esistenza di analoghe ordinanze emanate dai sindaci competenti al fine di disporne la relativa chiusura». A Cagliari sono state sospese fino alle 6 del mattino di venerdì 12 tutte le attività dell’Università: lezioni, esami, laboratori, lauree, segreterie e biblioteche. Allerta meteo rossa in vigore fino alla mezzanotte di giovedì 11.

E’ crollato completamente il ponte sul rio Santa Lucia lungo la statale 195 che collega Cagliari a Capoterra. Un tratto di strada, qualche chilometro prima, vicino al pontile della Rumianca, era già ceduto provocando una voragine che ha costretto la Polizia municipale a chiudere la statale all’altezza del ponte sulla Scafa. La forza dell’acqua, a seguito dell’esondazione del rio avvenuta questa mattina, ha inghiottito in queste ore quello che rimaneva della strada già parzialmente sommersa dopo la rottura degli argine del Santa Lucia. Ora con il crollo la statale è tagliata letteralmente in due. Capoterra è isolato. Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute in aiuto delle persone rimaste bloccate in casa, alcune sono disabili. Si segnalano anche cittadini sui tetti delle case. In meno di 24 ore sono caduti a Capoterra 250 millimetri di acqua, le metà di quella normalmente registrata in un anno. Situazione critica anche nel Sarrabus-Gerrei: stanno arrivando pompieri da altre province. Problemi nell’hinterland di Cagliari: il sindaco di Sestu ha deciso la chiusura delle scuole per la giornata di domani. Chiuso anche il cimitero e il centro anziani.

Nel frattempo, l’evoluzione del maltempo è seguita costantemente dal governatore Francesco Pigliaru e dall’assessora Donatella Spano. «Monitoriamo costantemente la situazione e siamo in contatto diretto con tutti i sindaci - assicura la direttrice generale della Protezione civile Sandra Tobia - In questo momento registriamo le maggiori criticità nelle zone di Capoterra e Ogliastra. Ci raccomandiamo con i cittadini perchè si attengano alle normali regole di precauzione, evitando di mettersi per strada nelle zone maggiormente esposte al maltempo e tengano d’occhio gli avvisi che emettiamo ogni 3 ore. Nel pomeriggio saremo in video conferenza con il dipartimento nazionale assieme a Liguria, Toscana e Piemonte per condividere l’andamento della situazione».



Liguria

Scuole chiuse quasi ovunque domani in Liguria in previsione dell’ondata di maltempo che, secondo gli esperti meteo, dovrebbe giungere a partire da questa notte. Partendo da Ponente - in seguito all’allerta arancione - tra i primi comuni a prendere la decisione di chiudere le scuole di ogni ordine e grado quelli delle province di Imperia e in quella di Savona (uniche eccezioni Albisola Superiore e Spotorno). I sindaci di numerosi comuni liguri hanno anche firmato l'ordinanza di chiusura di cimiteri, parchi, impianti sportivi e mercati. Stop alle lezioni scolastiche anche a Recco e Chiavari (Genova) e a Sarzana (La Spezia).

Toscana

Il codice giallo per temporali su costa e Arcipelago è stato emesso per domani, giovedì 11 ottobre, dalla Sala operativa unica della protezione civile regionale. Previsti possibili temporali forti, associati a colpi di vento e grandinate a partire dalle prime ore e per l’intera giornata, su Arcipelago, fascia costiera e zone adiacenti. A causa dell’avvicinamento della zona di bassa pressione tra Corsica e Sardegna che interessa le zone costiere e l'Arcipelago, la protezione civile ha emesso lo stato di vigilanza su queste zone.

Piemonte

E’ allerta gialla per temporali e piogge, anche forti, sul Piemonte. L’intenso flusso umido dovuto all’arrivo sull'Europa di una perturbazione atlantica sta portando condizioni di elevata instabilità sulla Regione, in particolare tra questa sera e domani mattina. In deciso calo le temperature massime, associate a vento in montagna.
Le precipitazioni più intense - precisa l’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale - sono previste su Val di Susa, Val Pellice e Val Chisone, nell’area metropolitana di Torino, ma anche su cuneese, astigiano, alessandrino e, in particolare, sullo spartiacque al confine con la Liguria. Le zone potranno essere interessate da incrementi dei livelli idrometrici più significativi e da isolati fenomeni di versante, con attenuazione dalle ore centrali di domani.

Le previsioni per domani

3bmeteo.com comunica le previsioni del tempo per la giornata di domani. Al Nord maltempo al Nordovest e su est Lombardia con fenomeni anche forti, nuvoloso altrove ma con fenomeni sporadici. Migliora la sera. Temperature in calo, massime tra 18 e 23. Al Centro instabilità in attenuazione sulla Sardegna, nubi e piogge sulla Toscana, anche forti la sera. Maggiori aperture altrove. Temperature stabili, massime tra 20 e 25. Al Sud addensamenti su Sicilia e basso Tirreno ma con fenomeni sporadici o assenti, mediamene soleggiato altrove con velature. Temperature stabili, massime tra 21 e 25.  VENERDI' 12 OTTOBRE: Al Nord in partenza nuvoloso ma senza fenomeni, nel corso della giornata nubi in assorbimento fino a condizioni di cieli quasi sereni. Temperature in rialzo, massime tra 21 e 23. Al Centro ancora qualche isolato piovasco sulla Sardegna, specie nelle ore centrali, in prevalenza soleggiato sulle altre zone. Temperature in rialzo, massime tra 23 e 28. Al Sud qualche piovasco diurno sulla Sicilia in completo assorbimento serale, in prevalenza sereno o poco nuvoloso altrove. Temperature stabili, massime tra 22 e 25. SABATO 13 OTTOBRE: Al Nord si rinnovano condizioni di tempo stabile con cieli sereni o poco nuvolosi ovunque. Verso sera qualche addensamento sulle zone alpine. Temperature stabili, massime tra 21 e 24. Al Centro permane una certa variabilità sulla Sardegna con occasione per qualche pioggia, sereno o poco nuvoloso sulle altre zone. Temperature stabili, massime tra 23 e 27. Al Sud variabilità e qualche isolato piovasco su Salento e fascia ionica, in prevalenza sereno o poco nuvoloso altrove. Temperature stabili, massime tra 22 e 25.

Coldiretti

Il maltempo si abbatte sull'Italia dopo un settembre che ha fatto segnare il 61% in meno di precipitazioni rispetto alla media storica, con i terreni secchi che amplificano il rischio idrogeologico. E’ l’allarme lanciato dalla Coldiretti sulla base dei dati Isac Cnr, sugli effetti della nuova perturbazione che interessa tutta Italia.
A preoccupare, sottolinea la Coldiretti, sono i danni sulle coltivazioni agricole nelle campagne dove è in pieno svolgimento la vendemmia e si iniziano a raccogliere le olive, dopo che dall’inizio dell’anno si contano perdite superiori ai 600 milioni di euro a causa degli eventi estremi. I cambiamenti climatici, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ispra, si abbattono su un territorio già fragile con la presenza in Italia di 7.275 comuni a rischio frane e alluvioni, il 91,3% del totale ma la percentuale sale al 100% per Liguria e Toscana mentre è al 90% per il Piemonte. L’andamento anomalo di quest’anno conferma i cambiamenti climatici in atto che si manifestano con la più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense e il rapido passaggio dal sole al maltempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA