Sei in Italiamondo

Autista incendia bus, il pm: "Strage evitata, miracolo grazie ai carabinieri". Conducente accusato di terrorismo

20 marzo 2019, 19:42

Chiudi
PrevNext
1 di 22

Ousseynou Sy, il 47enne che oggi ha dirottato un bus a cui poi ha dato fuoco, ha commesso un gesto che ha creato panico nella popolazione. Per questo, come ha riferito Alberto Nobili, il responsabile dell’antiterrorismo milanese che coordina le indagini assieme al pm Luca Poniz, gli inquirenti contestano al 47enne l’aggravante della finalità terroristica, oltre a sequestro di persona, strage, incendio e resistenza. 

L’articolo 270-secies del codice penale, relativo alle condotte con finalità di terrorismo, afferma che «sono considerate con finalità di terrorismo le condotte che, per la loro natura o contesto, possono arrecare grave danno ad un Paese o ad un’organizzazione internazionale e sono compiute allo scopo di intimidire la popolazione o costringere i poteri pubblici o un’organizzazione internazionale a compiere o astenersi dal compiere un qualsiasi atto o destabilizzare o distruggere le strutture politiche fondamentali, costituzionali, economiche e sociali di un Paese o di un’organizzazione internazionale, nonchè le altre condotte definite terroristiche o commesse con finalità di terrorismo da convenzioni o altre norme di diritto internazionale vincolanti per l’Italia». 

IL PM: "STRAGE EVITATA, UN MIRACOLO GRAZIE AI CARABINIERI". «E' stato un miracolo, poteva essere una strage, sono stati eccezionali i Carabinieri sia a bloccarlo che a tirare fuori tutti i bambini»: lo ha detto il procuratore di Milano Francesco Greco, dopo essersi recato sulla Paullese dove un pullman è stato sequestrato e incendiato.
Greco ha precisato che Ousseynou Sy è stato fermato per strage e sequestro di persona: «Volevamo interrogarlo subito ma ha delle ustioni a un braccio». Il procuratore ha ribadito più volte che i carabinieri sono stati «bravi» sia nel «bloccare l'uomo in fuga col bus che nel tirare fuori i bambini, hanno rotto i vetri e sono riusciti a tirarli fuori tutti e 51, è stato un miracolo, grazie ai carabinieri». Ora, ha spiegato, «sentiremo tutti i compagni di lavoro e poi sentiremo anche lui, ma ora ha bisogno di cure ospedaliere perchè ha ustioni ad un braccio». Saranno sentiti, inoltre, ha proseguito Greco, «anche i tre accompagnatori dei ragazzini».
Greco ha chiarito che, prima che l’autista dirottasse il bus verso Linate, «i ragazzi stavano andando da una scuola ad una palestra là a Crema». Il Ros dei carabinieri, ha aggiunto, «sta perquisendo la sua abitazione a Crema». Sy aveva con sé «una tanica di benzina», anche se non è chiaro se poi abbia acceso lui il fuoco o si sia sprigionato quando l’autobus è stato bloccato sulla Paullese.

Nella gallery, le foto dell'incendio e del salvataggio da parte delle forze dell'ordine