Sei in Italiamondo

VIOLENZA

Studentessa violentata a Bologna, un fermato. Abusi su una 29enne ad Agrigento, un arresto

11 giugno 2019, 08:47

Studentessa violentata a Bologna, un fermato. Abusi su una 29enne ad Agrigento, un arresto

La squadra mobile della polizia di Bologna ha eseguito un fermo nei confronti di un 31enne, originario del Brasile e naturalizzato italiano, ritenuto responsabile di violenza sessuale ai danni di una giovane studentessa italiana. La ragazza, 24 anni, alle prime ore del 2 giugno stava rientrando a casa dopo una serata con gli amici, quando è stata aggredita, trascinata con forza e minacce in un’area verde nei pressi del dopolavoro ferroviario e violentata.

Le indagini della squadra mobile hanno permesso di dare prima un nome e un volto all’uomo ritenuto l’autore del reato e successivamente di individuarlo. Il fermo è stato eseguito nella notte dell’8 giugno. 

Nei pressi di Canicattì una donna romena di 29 anni ha invece denunciato di essere stata sequestrata ed abusata da un suo connazionale, un bracciante agricolo di 39 anni, che è stato identificato e arrestato dai carabinieri. La vicenda risale a sabato scorso, quando la donna si è presentata al pronto soccorso dell’ospedale, raccontando di aver subito una violenza sessuale. La vittima è subito riuscita a fornire agli investigatori dell’Arma elementi per far scattare le indagini, riferendo ai militari di essere stata attirata da un suo connazionale per svolgere, a pagamento, alcune faccende domestiche. La donna lo ha seguito presso l’abitazione ma una volta all’interno, è stata bloccata e, sotto la minaccia di morte, costretta a subire ripetutamente le violenze. Sulla base del racconto e della descrizione fornita dalla giovane i carabinieri sono riusciti a risalire al presunto autore delle violenze e a bloccarlo. L’uomo avrebbe spontaneamente ammesso le proprie responsabilità e, su disposizione dell’autorità Giudiziaria, è stato subito trasferito agli arresti domiciliari.