Sei in Italiamondo

CRISI DI GOVERNO

Consultazioni al Quirinale, la Bonino: «Serve un governo del fare e anche del disfare»

21 agosto 2019, 18:39

Consultazioni al Quirinale, la Bonino: «Serve un governo del fare e anche del disfare»

E' iniziata oggi alle 16 con la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati la prima giornata delle consultazioni del presidente Sergio Mattarella per la formazione del nuovo governo dopo le dimissioni del premier Giuseppe Conte ieri sera. Dopo è entrato il presidente della Camera Roberto Fico. Il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano è stato ascoltato al telefono perché non si trova a Roma. Dopo sono iniziati gli incontri con i gruppi politici: il primo è stato il gruppo parlamentare «Per le autonomie (Svp-Patt,Uv)» del Senato. Mentre la Casellati e Fico, come da prassi non hanno lasciato dichiarazioni,  Julia Unterberger (presidente Svp) ha dichiarato che un governo guidato dal premier uscente Giuseppe Conte, sostenuto da una maggiroanza M5s-Pd, avrebbe il sostegno del gruppo delle Autonomie del Senato: «Il Presidente Conte ha fatto una figura bellissima - ha detto la senatrice della Svp - da parte nostra non ci sarebbe nessun problema su un Conte bis, e poi è neutrale. Secondo noi sarebbe un peccato non utilizzare questo modo diverso di far politica rispetto a quei politici che gridano sui social. Conte è diverso, tranquillo, elegante» ha concluso Unterberger.  

Emma Bonino (+Europa), Riccardo Nencini (Psi), Pietro Grasso e Loredana De Petris (Liberi e Uguali) del gruppo misto, ha preso la parola la De Petris «Riteniamo il voto anticipato pericoloso per il Paese». L'idea è «un governo non breve non di transizione», per costruire il quale occorre «buona volontà». Emma Bonino, parlando di un voto in autunno e sui tempi per raccogliere le firime per le candidature: «Così come stanno le cose con il voto anticipato, alle elezioni andranno cinque partiti: Pd, Lega, M5S, FdI e FI. Gli altri non si possono presentare». «Serve un governo di totale alternativa politica e programmatica rispetto al governo gialloverde» ha aggiunto la leader di +Europa: «Il nuovo governo dovrà fare ma anche disfare alcune delle più inaccettabili leggi prese: decreto sicurezza bis, sperpero dei fondi pubblici. Serve un governo del fare e del disfare» ha commentato la Bonino che ha riferito che ancora nessuno li ha contattati per chiedere il loro sostegno a un possibile governo. L'ex presidente del Senato, Pietro Grasso ha anche lanciato l'appello «ai due partiti maggiori» (Pd e M5S, ndr) per «avere un po' di coraggio e di trovare un accordo comune rapidamente». Diverse, proprio per la composizione stessa, le posizioni del gruppo Misto della Camera, con l'ex ministra della Salute Beatrice Lorenzin esponente di Civica Popolare favorevole ad un governo di legislatura, visto che sarebbe "irresponsabile" il voto anticipato, ma «serve una quadra intorno a un programma condivisibile». Maurizio Lupi, di "Noi con l'italia-Usei",  sostiene la necessità di tornare alle urne per un governo di centrodestra. I rappresentanti del gruppo di Liberi e Uguali della Camera hanno ribadito la disponibilità di Leu alla nascita di un nuovo esecutivo «politico di svolta» basato su punti programmatici chiari.

Il calendario della consultazioni di giovedì
Giovedì 22 agosto 2019

ORE 10.00 GRUPPI PARLAMENTARI «FRATELLI D’ITALIA» DEL SENATO DELLA REPUBBLICA E DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

ORE 11.00 GRUPPI PARLAMENTARI «PARTITO DEMOCRATICO» DEL SENATO DELLA REPUBBLICA E DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

ORE 12.00 GRUPPI PARLAMENTARI «FORZA ITALIA - BERLUSCONI PRESIDENTE» DEL SENATO DELLA REPUBBLICA E DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

ORE 16.00 GRUPPI PARLAMENTARI «LEGA-SALVINI PREMIER» DEL SENATO DELLA REPUBBLICA E DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

ORE 17.00 GRUPPI PARLAMENTARI «MOVIMENTO 5 STELLE» DEL SENATO DELLA REPUBBLICA E DELLA CAMERA DEI DEPUTATI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA