Sei in Italiamondo

GIOVEDI' 22 AGOSTO

M5S al Colle: No al voto, pronti a lavorare

22 agosto 2019, 19:17

M5S  al Colle: No al voto, pronti a lavorare

 Luigi Di Maio, che ha guidato l’ultima delegazione al Qurinale nel secondo giorno di consultazioni ha comunicato a Mattarella di aver avviato «interlocuzioni per una maggioranza solida che converga su un programma in dieci punti indicati dal M5s. In mattinata Zingaretti aveva a sua volta ribadito al capo dello Stato i 5 punti sui quali si è impegnato il Pd, dopo la direzione di ieri, dicendosi disponibile ad un governo di svolta, indicando il voto come unica alternativa. Il presidente Mattarella al termine delle consultazioni ha preso altre due ore di tempo, rinviando alle 20.00 le sue considerazioni.

MISTERO A NEW YORK, SCOMPARE IL CAPO CHEF DI CIPRIANI DOLCI 
ANDREA ZAMPERONI, 33 ANNI, NON DA' NOTIZIE DA SABATO NOTTE

Andrea Zamperoni, capo chef italiano di Cipriani Dolci, noto ristorante nella stazione newyorchese di Grand Central, è scomparso da sabato. Zamperoni, 33 anni, che vive nel Queens, è stato visto per l’ultima volta dai suoi compagni di appartamento sabato notte, ha detto al New York Post il manager del ristorante, Fernando Dallorso. I suoi amici hanno avvertito la polizia lunedì, quando non si è presentato al lavoro. Il noto patron dell’Harry's Bar: «Assenza inspiegabile, siamo preoccupati». Un collega: «Verrebbe anche senza una gamba». A Casalpusterlengo la madre disperata: «Non pensavo potesse accadere».

MIGRANTI, SULLA NAVE OCEAN VIKING RESTANO 5 GIORNI DI CIBO 
DA 13 GIORNI SENZA PORTO, A BORDO PEGGIORA LA SALUTE MENTALE

«Rimangono solo cinque giorni di razioni alimentari standard a bordo della Ocean Viking, la nave con 356 sopravvissuti (di cui 103 tra bimbi e ragazzi) bloccati da 13 giorni nel Mare Mediterraneo. Ancora nessun posto di sicurezza è stato assegnato. Siamo preoccupati per il rapido peggioramento dello stato di salute mentale delle persone a bordo": è l’allarme lanciato dalla Ong Medici Senza Frontiere. Il Garante nazionale dei Detenuti lancia un appello ai colleghi di Norvegia e Malta: «Serve un lavoro comune». In Sicilia intanto proseguono gli sbarchi 'fantasmà.

BREXIT: MERKEL E MACRON APRONO, ORA JOHNSON VUOLE L’ACCORDO 
ANCHE PARIGI PARLA DI UN’INTESA POSSIBILE SUL BACKSTOP

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato a Parigi, al fianco di Emmanuel Macron, di voler trovare un accordo sulla Brexit. «Voglio un accordo», ha detto Johnson davanti alla stampa all’Eliseo, al termine di un incontro con il capo dello stato francese, aggiungendo di essere stato «molto incoraggiato» in questo senso dal suo incontro con la cancelliera tedesca, Angela Merkel. Macron da parte sua ha dichiarato che una soluzione alla questione del backstop sulla frontiera irlandese può essere trovata «entro 30 giorni».

 G7, L’UE NON E’ FAVOREVOLE AL RITORNO DI MOSCA NEL G8 
LA REPLICA DEL CREMLINO: NON CI INTERESSA, E’ MEGLIO IL G20

L'Ue non è favorevole ad un’eventuale ritorno di Mosca nel G8. «I motivi che portarono all’esclusione sono ancora validi - affermano fonti europee a pochi giorni dal summit di Biarritz - Inoltre questo formato deve continuare ad essere un insieme di democrazie che rispettano lo stato di diritto». A favore di un ritorno al G8 si sono espressi Trump e Macron. «La Russia ritiene più efficace il G20 perchè ne fanno parte anche Cina e India», ha detto il portavoce di Putin, Dmitri Peskov. Zelensky dice 'nò a Mosca nel G8 con la crisi ucraina irrisolta.

P.A: 3 MILA VINCITORI ASPETTANO, SCADONO LISTE DEI CONCORSI 
A FINE SETTEMBRE STOP ALLE GRADUATORIE PER GLI IDONEI 2010-14

Sono ancora più di tremila i vincitori di concorsi pubblici che aspettano di essere assunti. E’ una questione di tempi, ma le amministrazioni prima o poi devono prenderli. Diverso il discorso per gli idonei. In questi casi la presa in servizio non è un diritto ma solo una possibilità. In lizza ce ne sono 86 mila. Ma il sogno di un posto fisso potrebbe avere i giorni contati. A fine settembre scadono le graduatorie 2010-2014.

IN USA BOOM DI NATI DA DONATORE ERRATO, SPESSO E’ IL MEDICO 
SCOPERTI GRAZIE ALL’USO MAGGIORE DEI TEST DEL DNA FAI-DA-TE

Con l’avvento dei test del Dna fai-da-te negli Usa stanno emergendo decine di casi di persone nate da fecondazione assistita il cui padre biologico non è il donatore di spermatozoi scelto inizialmente, ma spesso è il medico che ha eseguito la procedura. Lo afferma il New York Times, in un’inchiesta relativa a diversi casi, in tutti gli Usa e all’estero, di persone nate tra gli anni '70 e '80. Indiana, California e Texas si sono dotate di leggi specifiche per vietare la pratica. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA