Sei in Italiamondo

web

Ultras in un video: "So chi è il mandante dell'omicidio Piscitelli"

Sui social, volto coperto e pistola. Vicino a Carminati 

02 settembre 2019, 19:27

Ultras in un video:

 Con il volto coperto da un passamontagna nero e le pistola in pugno ha annunciato in un video, postato sul web, il suo imminente arresto e soprattutto rivelazioni su chi è il mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli, l’ultras della Lazio conosciuto come Diabolik, ucciso il 7 agosto con un colpo di pistola nel parco degli Acquedotti a Roma. Fabio Gaudenzi, esponente di estrema destra coinvolto in passato in Mafia Capitale e vicino a Massimo Carminati, si è filmato mentre, seduto su una sedia davanti a una parete bianca, sapeva già che la polizia sarebbe andato ad arrestarlo. «Mi chiamo Fabio Gaudenzi, la polizia sta venendo ad arrestarmi e mi consegnerò come prigioniero politico - ha detto nel video della durata di poco meno di due minuti -. Dal 1992 appartengo a un gruppo elitario di estrema destra denominato «I fascisti di Roma nord» con a capo Massimo Carminati» elencando poi i nomi di «Fabrizio Piscitelli, Luca e Fabrizio Caroccia, Maurizio Boccacci, Riccardo Brugia e Massimo Carminati». 
«Mi consegno consapevole di subire processi - ha aggiunto - Vorrei essere processato e se giusto condannato per banda armata, come dovrebbero esserlo Carminati e Brugia. Non siamo mafiosi ma fascisti, lo siamo sempre stati e lo saremo sempre. La mafia e la droga ci fanno schifo». Gaudenzi ha poi annunciato rivelazioni sull'omicidio dell’ex capo degli Irriducibili 'Diabolik'. «Mi sto consegnando al questore e parlerò del mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto altro ancora. Questa è la mafia vera e non quella del 2014». Il video sarà ora acquisito dalla Procura. A quanto riferito, nella casa dell’uomo in zona Roma Nord la polizia ha trovato un revolver 357 e una mitraglietta. Per lui l'accusa è di possesso di armi da guerra. A chiamare le forze dell’ordine è stato un vicino di casa spaventato da colpi di arma da fuoco provenienti dall’appartamento di Gaudenzi. Gaudenzi avrebbe chiesto espressamente di poter parlare con i poliziotti della Squadra Mobile che si occupano delle indagini sull'omicidio Piscitelli. Gli agenti lo hanno arrestato per possesso di armi da guerra. E in un un altro video girato ieri Gaudenzi assicurava: «Faremo di tutto per vendicarti Fabrizio».