Sei in Italiamondo

Raid Usa contro Al-Baghdadi. I media americani: 'Si è fatto esplodere'

27 ottobre 2019, 09:11

Raid Usa contro Al-Baghdadi. I media americani: 'Si è fatto esplodere'

Gli Usa hanno lanciato un raid nel nord della Siria contro il leader dell’Isis Abu Bakr al-Baghdadi che si sarebbe ucciso. Verifiche sono in corso ma fonti del Pentagono fanno sapere che il terrorista, sorpreso all’interno di un compound mentre era in compagnia di alcuni familiari, si sarebbe fatto saltare in aria azionando un giubbotto esplosivo che portava addosso. Per questo motivo solo la prova del Dna potrà dare la certezza della sue morte. La detonazione avrebbe ucciso anche due delle mogli di al Baghdadi che erano accanto a lui. L’operazione, top secret, approvata da Trump una settimana fa, sarebbe scattata ieri. Lo stesso presidente americano ha reso noto che oggi alle 15 italiane rilascerà una dichiarazione su 'un grande accadutò. L'Osservatorio siriano per i diritti umani conferma che c'è stato un attacco contro un «leader jihadista» a Barisha, nella regione di Idlib, a pochi chilometri dal confine con la Turchia.
Social media e siti internet legati all’Isis non confermano per il momento la morte di Abu Bakr al Baghdadi ma esortano i seguaci in tutto il mondo a «continuare la jihad anche se la notizia fosse vera» definendo già il loro leader come «martire della guerra santa». Lo scrive su Twitter Rita Katz, direttore del Site, il sito che monitora il jihadismo sul web. 

Anche moglie si e' fatta esplodere -  Anche una moglie di Abu Bakr al Baghdadi si sarebbe fatta esplodere, insieme al leader dell’Isis, durante l’operazione del commando americano per ucciderlo. I due avrebbero fatto detonare giubbotti esplosivi che avevano indosso. Lo riferisce un alto funzionario della sicurezza irachena all’Ap, aggiungendo che altri leader dello Stato islamico sono stati uccisi nel raid.