Sei in Italiamondo

MARTEDI' 5 NOVEMBRE

Ilva, il governo contro ArcelorMittal: Saremo inflessibili

05 novembre 2019, 18:55

Ilva, il governo contro ArcelorMittal: Saremo inflessibili

 Il governo mostra i pugni nei confronti di Arcelor Mittal che ha notificato la volontà di ritirarsi dall’ex Ilva. Conte domani incontra i vertici dell’azienda e chiarisce: «E' stato stipulato un contratto e saremo inflessibili sul rispetto degli impegni». Il ministro Patuanelli attacca l’azienda: «Prende in giro lo Stato. Il piano industriale è stato disatteso per via di errori macroscopici». E chiarisce: «Niente norme ad personam». Giovedì sarà in Italia Sajjan Jindal, presidente e ad del gruppo siderurgico indiano JSW, protagonista del passato negoziato per rilevare l’Ilva. Renzi smentisce contatti per coinvolgerlo in una cordata alternativa. -

ESPLODE UNA CASCINA AD ALESSANDRIA, MUOIONO TRE POMPIERI 
POSSIBILE ORIGINE DOLOSA, FORSE A CAUSA DI DISSIDI FAMILIARI

Tre vigili del fuoco sono morti nella notte in seguito all’esplosione di una cascina a Quargnento nei pressi di Alessandria. Lo scoppio, come riferito dal procuratore Cieri, è stato «voluto e deliberatamente determinato": trovati un timer e dei fili elettrici, ma collegati a delle bombole inesplose. La Procura ha aperto un fascicolo, contro ignoti, per omicidio plurimo e crollo doloso. Tra le ipotesi al vaglio degli inquirenti c'è quella di dissidi tra il proprietario dell’abitazione e il figlio, così come la pista legata al risarcimento assicurativo.

FRENATA SULLA PLASTIC TAX, SI PENSA AD UN DIMEZZAMENTO 
GENTILONI: L’ITALIA HA BISOGNO DI DISCIPLINA DI BILANCIO

Dimezzare la tassa sulla plastica: è una delle ipotesi su cui sta lavorando il governo in vista dell’esame parlamentare della manovra. secondo quanto si apprende, si starebbe lavorando sia per restringere la gamma dei prodotti coinvolti sia sull'entità del prelievo, con simulazioni su tre «scalettature» tra i 60 e i 40 centesimi al chilo. Si valuta anche l’ipotesi di un rinvio a luglio. «Giudizio critico» di Confindustria sul Dl fiscale, Gualtieri ribadisce che gli obiettivi sono «crescita e sostenibilità» e assicura che il contrasto all’evasione porterà 3,1 miliardi nel 2020. Monito di Gentiloni da Bruxelles: «L'Italia ha ancora bisogno di disciplina di bilancio».

INSULTI A BALOTELLI, INCHIESTA PER DISCRIMINAZIONE RAZZIALE 
L’HELLAS CACCIA IL CAPO ULTRAS, 'NIENTE STADIO FINO AL 2030'

La Procura di Verona ha aperto due fascicoli per violazione della legge Mancino sull'istigazione alla discriminazione razziale, dopo gli insulti razzisti a Balotelli durante Verona-Brescia e per le dichiarazioni rilasciate alla radio del capo ultrà Luca Castellini che aveva parlato di «Pagliacciate di Balotelli» definito «non completamente italiano». L’Hellas Verona ha messo al bando lo stesso Castellini: non potrà entrare allo stadio fino al 2030. E mentre il presidente della Figc Gravina suggerisce un ritorno di 'Balò in azzurro, il giudice sportivo ha chiuso per un turno il settore 'Poltrone Est’del Bentegodi dal quale sono partiti gli insulti all’attaccante.

TRUMP AVVIA IL RITIRO DALL’ACCORDO DI PARIGI SUL CLIMA 
ALLARME DI 11MILA RICERCATORI, 'LA TERRA IN PIENA EMERGENZA'

amenta forti e resterà». Undicimila ricercatori di 153 Paesi (circa 250 italiani) lanciano l’allarme in uno studio sulla rivista BioScience: la Terra è in piena «emergenza climatica», e «indicibili sofferenze» saranno inevitabili senza cambiamenti profondi e duraturi nelle attività che contribuiscono alle emissioni di gas serra e ai cambiamenti climatici»

STRAGE DI MORMONI IN MESSICO, BRUCIATI VIVI DAI NARCOS 
TRUMP OFFRE AIUTO, OBRADOR RIFIUTA: 'NON SERVE UN INTERVENTO'

Una decina di mormoni statunitensi, tra cui 4 bambini e due gemelli neonati di sei mesi e le loro madri, sono stati uccisi in Messico in un’imboscata a colpi d’arma da fuoco e alcuni sono stati bruciati vivi. La polizia locale ritiene che la strage sia opera dei cartelli della droga. Trump ha offerto un aiuto «veloce ed efficace» contro i narcos, il presidente messicano Obrador ha declinato, pur aprendo ad una collaborazione con l'Fbi «purchè rispetti la nostra indipendenza».

SOLDI DA PARNASI, RISCHIO PROCESSO PER TESORIERI LEGA E PD 
CHIUSO UNO DEI FILONI DELL’INCHIESTA SULLO STADIO DELLA ROMA

Rischio processo per Giulio Centemero, tesoriere della Lega e Francesco Bonifazi, ex tesoriere del Pd ora a Italia Viva. La procura di Roma ha chiuso il filone di indagine, atto che prelude alla richiesta di rinvio a giudizio, dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma e i finanziamenti dell’imprenditore Luca Parnasi. Nei confronti di Centemero è contestato il reato di finanziamento illecito così come per Bonifazi. Per quest’ultimo c'è anche l’emissioni di fatture per operazioni inesistenti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA