Sei in Italiamondo

MARTEDI' 19 NOVEMBRE

Ilva: perquisizioni e sequestri a Milano e Taranto

19 novembre 2019, 19:10

Ilva: perquisizioni e sequestri a Milano e Taranto

Corrono parallele le inchieste sulla procedura avviata da ArcelorMittal per recedere dal contratto di affitto dell’ex Ilva delle procure di Milano e Taranto. Oggi la Guardia di Finanza ha iniziato perquisizioni e sequestri mentre i pm hanno avviato gli interrogatori. I magistrati milanesi accendono un faro anche sull'ipotesi di 'una crisi pilotatà mentre indaga sulla distrazione di beni del fallimento e omessa dichiarazione dei redditi. A Taranto l’inchiesta riguarda anche l’ipotesi di un depauperamento o meno del ramo d’azienda, ma le indagini riguardano anche la bonifica, la manutenzione e la sicurezza. Fim, Fiom e Uilm rifiutano il tavolo con l’Azienda.

SCONTRO SALVINI-CONTE SUL MES, MA IL PREMIER PUNTA AL RINVIO 
MATTARELLA INVITA A SUPERARE LE DIVISIONI SULLA MANOVRA

Il leader della Lega Matteo Salvini attacca il premier Conte sulle modifiche del Fondo salva-stati europeo (Mes) e chiede che riferisca in Parlamento. Anche il M5S è critico su una riforma che potrebbe essere «peggiorativa» e chiede un vertice di maggioranza. Ma il presidente del consiglio, che respinge le polemiche, punterà al rinvio della riforma nel consiglio Ue di dicembre. Il ministro Gualtieri sarà in audizione il 27 novembre in Commissione Finanze al Senato. Ancora tensioni nella maggioranza sulla manovra di bilancio, con il presidente Mattarella che invita a superare le divisioni e a trovare «una convergenza» sugli obiettivi. In serata previsto un vertice sulla riforma della giustizia.

LA CASSAZIONE NON CANCELLA L’ERGASTOLO A CESARE BATTISTI 
L’EX TERRORISTA CHIEDEVA LA COMMUTAZIONE DELLA PENA A 30 ANNI

La Cassazione non cancella l’ergastolo a Cesare Battisti. La Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’ex terrorista contro l’ordinanza della Corte di assise di appello di Milano che aveva negato la commutazione della pena dell’ergastolo in quella di trent'anni di reclusione. Arrestato lo scorso 13 gennaio dopo una latitanza durata quasi 40 anni, ha ammesso di aver compiuto i quattro omicidi avvenuti tra il 1978 e il 1979 per i quali era stato condannato.

TRENTA LASCIA LA CASA, 'MIO MARITO HA PRESENTATO LA RINUNCIA' 
L’EX MINISTRA ERA SOTTO ACCUSA PER L’ALLOGGIO DI SERVIZIO

L'ex ministra della Difesa lascia l’alloggio di servizio che occupava, e la cui vicenda aveva suscitato un vespaio di polemiche. Suo marito, titolare dell’alloggio, ha presentato istanza di rinuncia. Trenta ribadisce: 'era tutto regolarè ma lasciamo per 'salvaguardare la serenità della famiglià. Poi critica il M5s: 'non sono stata trattata bene, ma non intendo lasciare. Prenderò una pausa di riflessione, ma non ho decisò.

PER VENEZIA ALTRI 46 MILIONI. SAN MARCO DANNEGGIATA DA MAREA 
ANCORA MALTEMPO: ESONDA IL FIUME IDICE, ALLERTA IN LIGURIA

Venezia sta tornando con fatica alla normalità e fa i conti con i danni del maltempo. Dopo i 20 milioni stanziati durante l'emergenza dal governo ne arrivano altri 46, dei 65 della legge speciale per la città lagunare, sbloccati oggi dal Mit. Preoccupazione per i danni ai mosaici e alle basi di alcune colonne all’interno della Basilica di San Marco. Il maltempo non dà tregua in altre zone del Paese. Nel bolognese è esondato il fiume Idice ed è allerta rossa. Ma dalla Liguria alla Sicilia sono ancora allagamenti, smottamenti e neve a provocare disagi.

LA STRAGE DELLE DONNE, 142 FEMMINICIDI NEL CORSO DEL 2018 
AUMENTANO LE DENUNCE PER VIOLENZA SESSUALE E STALKING

Centoquarantadue donne uccise nel 2018, tre donne ammazzate ogni settimana. Il 2018 è l’annus horribilis per i femminicidi, secondo il Rapporto Eures. 'Gelosia e possessò sono ancora i moventi principali (32,8%), e sono state 119 (85,1%) le donne uccise in famiglia. Altri dati allarmanti riguardano l’aumento delle denunce per violenza sessuale (+5,4%), stalking (+4,4%) e maltrattamenti in famiglia (+11,7%). Quasi 3milioni e 700mila donne hanno interrotto una relazione (anche senza convivenza) «in cui «subivano almeno un tipo di violenza fisica, sessuale o psicologica, di queste 1 milione separate o divorziate.

ITALIA MAGLIA NERA IN UE PER MORTI DA ANTIBIOTICO-RESISTENZA 
CON 10MILA DECESSI ALL’ANNO E’ ANCORA PRIMATO DI MORTI

Primato italiano per numero di morti legato all’antibiotico- resistenza: dei 33.000 decessi che avvengono nei Paesi Ue ogni anno per infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici, oltre 10.000 si registrano infatti nel nostro Paese. E’ il quadro aggiornato fornito dall’Istituto superiore di sanità (Iss) in occasione della Settimana mondiale per l’uso consapevole di antibiotici secondo cui pur in presenza di un 'trend in leggero calo, i valori restano oltre la media Uè. ---. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA