Sei in Italiamondo

roma

Bimbo intossicato da hashish a Roma,denunciati genitori

Ha 19 mesi, è grave. Arrestati zii, in casa avevano droga 

01 dicembre 2019, 18:24

Bimbo intossicato da hashish a Roma,denunciati genitori

Tragedia sfiorata a Roma dove un bimbo di soli 19 mesi è arrivato ieri in gravi condizioni in ospedale per una presunta intossicazione da hashish. Il bambino è ancora ricoverato in prognosi riservata, ma non sarebbe in pericolo di vita. L’allarme è scattato nel pomeriggio quando dagli accertamenti medici è emerso che quel bambino, portato qualche ora prima in stato di incoscienza e con difficoltà respiratorie, aveva un’intossicazione da hashish. 
Dall’ospedale è stata contattata la polizia che ha avviato indagini sull'accaduto. Gli agenti del commissariato Colombo hanno effettuato una perquisizione nell’abitazione in cui il bimbo abita con i genitori e i due zii materni che occupano il piano superiore. I due zii, uno dei quali già ai domiciliari, sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio. In casa la polizia ha infatti trovato circa 200 grammi di cocaina e un bilancino di precisione. I genitori sono stati invece denunciati e la loro posizione è ora al vaglio. Si tratta di un 39enne e una 25enne, entrambi romani. 
Tutto è iniziato ieri mattina quando la venticinquenne si è accorta che il figlio non stava bene e aveva difficoltà a respirare. Così lo ha accompagnato all’ospedale San Camillo dov'è arrivato in gravissime condizioni. I medici hanno fatto tutto il possibile per salvarlo e lo hanno sottoposto ad alcune analisi da cui, qualche ora dopo, sarebbe emersa l'intossicazione da hashish. Il bambino è stato poi trasferito nella serata di ieri al policlinico Gemelli, dov'è attualmente ricoverato in terapia intensiva pediatrica. La prognosi è riservata, ma le sue condizioni sono in miglioramento. 
E sulla vicenda sono ora in corso indagini per ricostruire con esattezza cosa è accaduto ieri mattina in casa. Tra le ipotesi che il bambino, in un attimo di distrazione, possa aver ingerito un pezzo di hashish mentre si trovava nell’appartamento degli zii.