Sei in Italiamondo

Cittadino cinese giustiziato in Giappone

26 dicembre 2019, 19:23

Cittadino cinese giustiziato in Giappone
(ANSA) - ROMA, 26 DIC - Un cittadino cinese condannato a morte per il massacro di una famiglia nel 2003 è stato impiccato oggi in Giappone. Si tratta della terza esecuzione capitale nel Paese - dopo altre due avvenute lo scorso agosto - e la prima autorizzata dalla ministra della Giustizia Masako Mori da quando ha assunto la guida del dicastero, nell'ottobre scorso. L'agenzia Kyodo, citando il ministero della Giustizia, ha identificato l'impiccato come Wei Wei, di 40 anni. L'uomo era stato condannato perché riconosciuto colpevole di avere massacrato con due connazionali una famiglia di quattro persone - madre, padre e due figli - a Fukuoka, nel sud-ovest del Giappone, dopo essere entrato nella loro casa per compiere una rapina. I tre avevano poi fatto scomparire i corpi delle loro vittime gettandoli nelle acque del porto. La condanna alla pena capitale per Wei Wei era stata finalizzata nel 2011. In Giappone i condannati alla pena capitale sono informati dell'imminente esecuzione solo nel giorno in cui avviene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA