Sei in Italiamondo

Anziana morta in casa a Riccione, il nipote ha confessato

07 gennaio 2020, 13:57

Anziana morta in casa a Riccione, il nipote ha confessato

E’ stato il nipote, Alessio Berilli, ad uccidere Rosa Santucci 88 anni, originaria di Macerata Feltria (Pesaro-Urbino), ma residente a Riccione. L'uomo, 42 anni è stato arrestato questa sera dai carabinieri di Riccione dopo aver confessato nel corso di un lungo interrogatorio alla presenza del magistrato Luca Bertuzzi e dell’avvocato difensore Stefania Lisi. Le accuse sono di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e ora si trova agli arresti detenuto in ospedale a Rimini nel reparto di Psichiatria. 
Secondo quanto confessato dal 42enne, avrebbe aggredito la nonna durante un litigio conficcandole un dito in un occhio. L'anziana è quindi caduta a terra riportando un trauma cranico probabilmente fatale. 
La donna quando sono arrivati i paramedici del 118 e i carabinieri, questa mattina verso le 11.40 nell’appartamento della villetta bifamiliare di via Chieti a Riccione, era distesa a terra nel corridoio con una profonda ferita ad un occhio. Nessun segno di effrazione, nè arma, nè oggetto contundente sulla scena. La principale ipotesi degli investigatori, dopo il primo esame da parte del medico legale, era stata subito quella di omicidio sulla cui dinamica però vi erano ancora dei lati da verificare. A cominciare dalle prime dichiarazioni rilasciate dal nipote della vittima. 
«Stavamo giocando poi lei si è sentita male ed è caduta», aveva raccontato sulle prime ai carabinieri. Il suo racconto non sembrava credibile fino in fondo tanto che dopo un primo interrogatorio nel pomeriggio, l’uomo era stato trattenuto in caserma a Riccione dove nelle ore serali è stato nuovamente sentito dal magistrato e alla fine dichiarato in arresto. 
Sarà comunque l’autopsia a chiarire meglio le cause della morte anche se non sarà facile capire se Rosa Santucci fosse già stata colpita fatalmente prima che il suo corpo toccasse terra. Così come è da chiarire il movente del litigio tra nonna e nipote e quindi dell’aggressione. Secondo quanto emerso, il nipote riteneva l’anziana responsabile dei propri malesseri, e dopo aver discusso con la nonna e averla spinta a terra, è corso da una vicina di casa per chiedere aiuto. La vicina ha poi chiamato il 118. I paramedici una volta sul posto e costatato il decesso hanno quindi allertato i carabinieri. 
«Una famiglia tranquilla, e lui il nipote non avrebbe fatto male ad una mosca. Ciò che è accaduto è una tragedia per una famiglia onesta e ben voluta». E’ il commento di un vicino di casa della famiglia di Rosa Santucci, un’anziana molto attiva in parrocchia e nel vicinato. Nessuno poco prima del fatto ha raccontato di aver sentito urla o la donna litigare con qualcuno. La pensionata divideva l’appartamento col nipote e la villetta a schiera con altri parenti, tanto che non rimaneva molto tempo da sola. 
«In questo momento di profonda tristezza, il mio primo pensiero è stato per la famiglia che ha perso una persona tanto cara in circostanze così tragiche» - ha detto il sindaco di Riccione, Renata Tosi.