Sei in Italiamondo

La vendetta dell'Iran: missili sulle forze Usa

08 gennaio 2020, 19:22

La vendetta dell'Iran: missili sulle forze Usa

Quindici missili iraniani nella notte contro basi Usa in Iraq. Non ci sarebbero vittime tra i soldati americani. Washington sarebbe stata avvertita sui bersagli scelti da Baghdad, a sua volta informata da Teheran. Il contrattacco iraniano scattato alla stessa ora dell’operazione Usa che ha ucciso il generale Soleimani. Illesi i militari italiani a Erbil, protetti in un bunker. Khamenei avverte: 'Non è finità. Ma Zarif cerca il dialogo. Trump parla all’America: 'Finchè sarò presidente, l'Iran non avrà mai l’arma nuclearè. Nuove sanzioni in arrivo per Teheran: 'Tutte le opzioni sul tavolo per contrastare la minaccia dell’Iran'.

CONTE VEDE HAFTAR A PALAZZO CHIGI, SALTA INCONTRO CON SARRAJ 
PUTIN-ERDOGAN VOGLIONO IL CESSATE IL FUOCO IN LIBIA DOMENICA

Passa da Roma la crisi libica. Conte vede a Palazzo Chigi il generale Haftar, mentre salta all’ultimo momento l’incontro con il premier Sarraj, che a Bruxelles ha incontrato il presidente del Pe Sassoli e l’Alto rappresentante Ue Borrell. Al Cairo, l'Italia non firma il documento finale del vertice sulla Libia. 'Troppo duro con Turchia e Tripoli, non spacchiamo l’Uè, dice il ministro Di Maio. Salvini attyacca il governo per il mancato incontro con Sarraj: 'Pazzesco, Conte è un pericoloso incapacè. Appello del premier russo Putin e il leader turco Erdogan, in occasione dell’inaugurazione del gasdotto Turkestream, per un cessate il fuoco da domenica in Libia.

TEMPESTA SUI MERCATI, MA ALLA FINE PASSA LA PAURA 
MALE L’ASIA, POI WALL STREET VOLA, IL PETROLIO CALA

Pesa in apertura sui mercati e sul petrolio la crisi in Medio Oriente. Ma in serata la situazione torna sotto controllo. Dopo lo stop delle Borse asiatiche, l’Europa ha chiuso in rialzo e wall Street ha accelerato in territorio positivo con l’annuncio di nuove sanzioni all’Iran. Passata la fiammata, torna a scendere il prezzo del petrolio, a New York -4,5% sotto i 60 dollari al barile, bruciando tutti i guadagni accumulati.

GIALLO SULL'AEREO UCRAINO CADUTO A TEHERAN, 176 MORTI 
L’IRAN NEGA LE SCATOLE NERE, FORSE ABBATTUTO PER ERRORE

Un volo della compagnia Ukraine Airlines si è schiantato dopo il decollo, dall’aeroporto internazionale di Teheran Imam-Khomeini. Nessuna delle 176 persone a bordo è sopravvissuta. Giallo sulle cause dello schianto: un incendio a un motore, secondo le autorità iraniane, che tuttavia non consegneranno le scatole nere alla Boeing. La compagnia sostiene che il velivolo era in ottime condizioni 'era nuovò, ed esclude un errore del pilota. Si fa strada l’ipotesi che l’aereo sia stato abbattuto per errore. Allarme nei cieli, molte compagnie hanno deciso di cambiare le rotte e di non volare nella Regione.

CAOS ALITALIA, LA SOLUZIONE NON ARRIVERA' ENTRO MAGGIO 
PATUANELLI, 'TEMPI LUNGHI. INUTILE PARLARE DI ATLANTIA'

Non c'è ancora una soluzione per Alitalia. La conferma dalle parole del ministro Patuanelli davanti alla commissione Trasporti della Camera. 'Non c'è scritto da nessuna parte che ci sia il closing entro maggio, è materialmente impossibile. Il 31 maggio è il termine dato al commissario per espletare la procedura di cessionè. Atlantia ribadisce di essere disponibile ad un confronto per il rilancio della compagnia, ma il ministro pentastellato la liquida: 'Inutile continuare a parlare di Atlantià, dice.

ORRORE A PARIGI, BIMBO MIGRANTE MORTO NEL CARRELLO DELL’AEREO 
IL BOEING DELL’AIR FRANCE ERA ARRIVATO DALLA COSTA D’AVORIO

Orrore a Parigi. Il cadavere di un bambino 'di una decina d’annì è stato trovato nel carrello d’atterraggio di un Boeing 777 dell’Air France decollato da Abidjan in Costa d’Avorio e atterrato alle 6 di stamattina all’aeroporto Charles de Gaulle.

CON LA NEBBIA CRESCE L’EMERGENZA SMOG AL CENTRO-NORD 
COLPA DI TRASPORTI E RISCALDAMENTO. TORINO FERMA BLOCCHI

La nebbia che ha avvolto il centro nord del Paese ha fatto salire i livelli di inquinamento e scattare quindi le limitazioni al traffico . Sotto accusa ancora i trasporti e i riscaldamenti. A Torino, dove erano previste limitazioni al traffico per l’alto livello di Pm10, il comune ha dovuto sospenderle a causa dello sciopero dei servizi pubblici di trasporto locale. Revocati i divieti anche a Lodi e a Cremona che restano invece attivi nelle province di Milano e Mantova. Il ministero dei Trasporti intanto sbolcca 22 miliardi per l'acquisto di bus ecologici. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA