Sei in Italiamondo

emergenza

Coronavirus: in condizioni discrete la coppia cinese contagiata. Procedura di verifica per l'autista che li ha portati da Parma a Firenze

01 febbraio 2020, 08:38

Coronavirus: in condizioni discrete la coppia cinese contagiata. Procedura di verifica per l'autista che li ha portati da Parma a Firenze

Restano discrete le condizioni di salute della coppia di cinesi positiva al coronavirus e attualmente ricoverata all’ospedale Spallanzani di Roma. Lo comunica il nuovo bollettino medico, sottolineando che la donna, 65 anni, ha accusato «nausea e vomito», mentre l’uomo, 66 anni, presenta «un quadro di polmonite interstizio alveolare bilaterale» e «febbre associata a tosse e astenia». Confermata anche la negatività al test da parte dell’operaio romeno che lavora nell’hotel di Roma dove alloggiavano i due cinesi. 

Attivata la procedura per la verifica di eventuali sintomi anche per l'autista della vettura a noleggio che il 27 gennaio li ha accompagnati da Parma a Firenze. Procedura necessaria per i contatti stretti e prolungati con la coppia. 

 Intanto con i suoi 46 nuovi decessi e i suoi 2.102 nuovi casi confermati, venerdì è stata la giornata con il bollettino più grave dell’epidemia di coronavirus di Wuhan. 
I dati forniti dalla Commissione sanitaria nazionale (Nhc) cinese portano il conteggio totale delle morti a 259 e quello dei contagiati accertati a quota 11.791.
Il precedente bilancio ufficiale, risalente a circa 24 ore fa, contava 213 morti e duemila contagiati. 
L’Australia vara misure per a non consentire l’accesso nel Paese agli stranieri non residenti in arrivo dalla Cina. A partire da oggi, l’ingresso sarà consentito solo a «cittadini australiani, residenti nel Paese, persone a carico, tutori legali o coniugi». Lo ha annunciato il premier Scott Morrison. Le misure per avviare il blocco «sono in fase di completamento», ha detto il premier. 
Due aerei carichi di passeggeri cinesi residenti nella provincia di Hubei - epicentro el coronavirus - sono atterrati nel capoluogo Wuhan, nell’ambito del piano di rimpatri deciso da Pechino. Un volo, 73 persone a bordo, è arrivato da Bangkok, l’altro da Kota Kinabalu, una nota località turistica della Malesia. Il ministero degli Esteri di Pechino ha annunciato ieri il piano del governo per rimpatriare nel Paese i residenti dell’Hubei e di Wuhan «a fronte dei problemi che hanno dovuto affrontare all’estero». 
Apple ha annunciato la chiusura di tutti i suoi negozi e uffici in Cina fino al 9 febbraio: lo si legge in una nota del colosso di Cupertino, secondo cui gli store online resteranno invece operativi. «I nostri pensieri vanno alle persone più direttamente colpite dal coronavirus e a quelle che lavorano senza sosta per contenerlo», recita la nota. Sulla base degli ultimi aggiornamenti degli esperti sanitari, «stiamo chiudendo tutti i nostri uffici societari, i negozi e i contact center nella Cina continentale fino al 9 febbraio».