Sei in Italiamondo

Strage discoteca, Regione parte civile

10 febbraio 2020, 15:20

Strage discoteca, Regione parte civile
(ANSA) - ANCONA, 10 FEB - "Le istituzioni non si dimenticheranno di quella giornata, di quello che è accaduto, con l'impegno di portare avanti negli anni un percorso crescente in termini di attenzione". Le parole del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, in riferimento alla strage nella discoteca "Lanterna Azzurra" di Corinaldo, delineano il motivo principale della decisione di Giunta e Garante dei diritti di costituirsi parte civile nel processo in abbreviato contro la 'Banda dello spray' in aula ad Ancona il 5 marzo: sei ragazzi sono accusati di aver spruzzato peperoncino per derubare altri giovani, la notte dell'8 dicembre 2018, generando la calca in cui morirono cinque adolescenti e una madre 39enne. Alla presentazione dell'iniziativa, solo una delle azioni orientate a tenera alta l'attenzione sul tema giovani e a promuovere la sicurezza del divertimento, c'erano anche il presidente del Consiglio regionale Antonio Mastrovincenzo, il garante Andrea Nobili e Luigina Bucci presidente del Comitato genitori (Cogeu).

© RIPRODUZIONE RISERVATA