Sei in Italiamondo

il caso

I liquidatori: 'licenziati 1.450 dipendenti'. Air Italy: 'Nessuna lettera di licenziamento è partita'

14 febbraio 2020, 14:06

I liquidatori: 'licenziati 1.450 dipendenti'. Air Italy: 'Nessuna lettera di licenziamento è partita'

 Licenziamento collettivo per tutti i 1.450 dipendenti Air Italy: lo hanno annunciato questa mattina i commissari liquidatori della compagnia ai dirigenti riuniti in conference call a Olbia e Malpensa. Nelle prossime settimane si liquida tutto e già dai prossimi giorni partiranno le lettere di licenziamento.  «I liquidatori hanno illustrato ai dipendenti la possibile evoluzione della procedura di liquidazione, confermando l’intenzione di adottare tutte le misure possibili di sostegno al reddito, compatibili a norma di legge con la procedura di liquidazione stessa». E’ quanto si legge nella nota ufficiale di Air Italy dopo la call conference. «Verranno prese in considerazione tutte le possibilità di cessione di rami d’azienda - si precisa - che comprendano il possibile mantenimento di tutti o di parte dei posti di lavoro». 
 

La società: "Al momento non è partita nessuna lettera di licenziamento"

 Al momento non è partita alcuna lettera di licenziamento per i 1.450 lavoratori di Air Italy. Nella nota ufficiale della società si parla della conferma della procedura di liquidazione in bonis, un iter che secondo il codice civile prevede 75 giorni di tempo, quindi entro maggio, per dare corso al licenziamento collettivo. Nel frattempo, spiega la stessa nota, la società si è impegnata ad esplorare la strada della cessione del ramo d’azienda per cercare di salvaguardare il più possibile i lavoratori.

La ministra: "Cambiare procedura"

La ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli, nella giornata di oggi, ha scritto ai liquidatori per «formalizzare l’urgente richiesta di cambio della procedura, dal momento che la liquidazione danneggia pesantemente i lavoratori e la possibilità di garantire il trasporto aereo sulla Sardegna». Lo si legge in una nota del Ministero.