Sei in Italiamondo

meteo

Da metà settimana giù le temperature e neve a quote basse

Perturbazione sull'Italia accompagnata da massa d’aria fredda 

24 febbraio 2020, 11:34

Da metà settimana giù le temperature e neve a quote basse

Stop al caldo anomalo da metà settimana in Italia, in seguito all’arrivo di una perturbazione che oltre ad abbassare decisamente le temperature porterà la neve sulle Alpi e gli Appennini. Secondo le previsioni dei meteorologi di Meteo Expert-Meteo.it, anche oggi si registreranno temperature in ulteriore lieve aumento, con valori da mese di aprile e punte intorno ai 20 gradi. Le cose sono destinate a cambiare nei prossimi giorni: da mercoledì, infatti, una rapida perturbazione arriverà sull'Italia accompagnata da una massa d’aria decisamente più fredda. «Il tempo - precisano i meteorologi - tenderà a peggiorare soprattutto al Nordest e al Centrosud e il contrasto tra l’aria più fredda in arrivo e quella più calda al suolo potrà favorire anche lo sviluppo di temporali». E tornerà la neve sulle Alpi e sull'Appennino settentrionale. «Ad Aosta, ad esempio - aggiungono - passeremo da un clima quasi estivo con 26 gradi raggiunti ieri, al freddo e alla neve tra mercoledì e giovedì». Da segnalare, aggiungono i meteorologi di Meteo Expert, «un deciso rinforzo dei venti un pò su tutta Italia con un crollo delle temperature: i valori entro giovedì saranno più normali per il periodo e in linea con le medie climatiche di febbraio. Questa fase più fredda potrebbe interrompersi già sul finire della settimana quando le temperature tenderanno nuovamente ad aumentare. 
Intanto la temperatura registrata nel Mediterraneo risulta più calda del normale. I tratti di mare più caldi, stando alle medie climatiche calcolate dal CEAM, Centro di studio ambientale del Mediterraneo e pubblicate da IconaClima.it, sono l'Adriatico, specie nel settore settentrionale, e il Mare di Tracia nell’Egeo settentrionale. Qui la temperatura è circa 2-3 gradi più alta di quanto dovrebbe essere in questo periodo dell’anno. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA