Sei in Italiamondo

l'aggiornamento

Coronavirus, 21 i morti, 821 i contagiati. British e EasyJet cancellano altri voli dal Nord Italia. Primi casi in Irlanda del Nord, Galles e Nigeria: sono legati all'Italia

28 febbraio 2020, 08:38

Coronavirus, 21 i morti, 821 i contagiati. British e EasyJet cancellano altri voli dal Nord Italia. Primi casi in Irlanda del Nord, Galles e Nigeria: sono legati all'Italia

 

Sono 821 i contagiati in Italia per il Coronavirus. Il nuovo dato è stato fornito dal commissario Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa alla Protezione Civile. Il numero tiene conto anche delle 21 vittime - 4 in più di ieri - e dei pazienti guariti. «I deceduti di oggi sono ultraottantenni e un ultrasettantenne. Vorrei precisare che non sono decedute per il coronavirus o in conseguenza. Questo è un lavoro che farà l’Istituto Superiore di Sanità. Quando avrà i dati ce lo comunicherà». Lo ha detto il commissario per l'emergenza, Angelo Borrelli, durante il punto stampa nella sede della Protezione Civile. «Il dato importante - ha aggiunto - è che la metà dei contagiati (412) sono persone che sono asintomatiche, o con sintomi lievissimi e che quindi non hanno bisogno di ospedalizzazione. Sono in isolamento domiciliare fiduciario. Altre 345 persone sono ricoverate in ospedali con sintomi e 64 sono ricoverati in terapia intensiva».

Emergenza a Lodi

«Purtroppo questa notte è scoppiata un’altra emergenza a Lodi. A Lodi improvvisamente nel pomeriggio di ieri c'è stata un affollamento di ricoveri: 51 ricoveri gravi di cui 17 in terapia intensiva. Lodi non ha un numero sufficiente di camere di terapia intensiva per cui sono stati trasferiti in altre terapie intensive della Regione». Lo ha spiegato il presidente della Lombardia Attilio Fontana all’Aria che tira su La7 parlando di coronavirus. «Se si ridesse meno della mascherina e si guardasse il problema più attentamente credo che sarebbe saggio», ha aggiunto.

Tre medici che si sono offerti volontari sono stati trasferiti nella zona rossa in Veneto per aiutare i colleghi che sono in quarantena. Lo rende noto in un post su Facebook il presidente della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo), Filippo Anelli. 
«Un grazie particolare a tre giovani medici che si sono offerti come volontari per sostituire i medici di famiglia in quarantena a Vò Euganeo», scrive Anelli. I tre medici, aggiunge, hanno ottenuto uno speciale permesso per accedere alla zona rossa. «Grazie e sostegno ai medici che operano con grande difficoltà e senza dispositivi di protezione individuale nella zona rossa del lodigiano. Grazie - conclude - ai colleghi che, pure in quarantena, continuano ad operare per garantire alcuni servizi assistenziali». 

Proseguono senza sosta i nuovi casi di contagio da coronavirus in tutti il mondo. Primo caso in Nigeria: è un italiano che lavora nel Paese ed era rientrato da Milano nei giorni scorsi. Un caso di contagio anche in Olanda: anche in questo caso si tratta di una persona appena rientrata nel Paese dal Nord Italia. E pure la Bielorussia registra un contagio, si tratta di uno studente iraniano.

Salgono a 17 i contagi da coronavirus accertati nel Regno Unito: nelle ultime ore sono stati segnalati la prima infezione in Irlanda del Nord e - stamattina - la prima in Galles, entrambi su persone provenienti dall’Italia settentrionale (nel primo caso via Dublino), come riferisce la Bbc. 
Le autorità sanitarie locali gallesi e nordirlandesi hanno assicurato di aver preso «tutte le misure appropriate» per contenere la diffusione del virus. 

Gli Emirati arabi Uniti hanno deciso di cancellare le ultime due tappe dell’UAE Tour di ciclismo dopo che due italiani, membri dello staff di una delle squadre partecipanti, sono stati trovati positivi. Sottoposto al test anche il campione britannico Chris Froome. British Airways ed Easy Jet cancellano altri voli da e per l’Italia. Il Messico autorizza lo sbarco a Cuzumel di tutti i passeggeri dalla nave Msc Meraviglia, che era stata respinta ai Caraibi. Il ministro Patuanelli annuncia per questa sera o domani mattina il primo provvedimento del governo a favore delle zone rosse.